Alganews, Biagio Bianculli. Straordinariamente Pavoloso: dalla serie D alla prima nazionale in 11 anni

pavoletti
Leonardo Pavoletti

E’ tutto favoloso. O meglio Pavoloso come indicherebbero il loro centravanti i tifosi del Genoa. Leonardo Pavoletti, 27 anni e mezzo, nato a Livorno, cresciuto nel Cantiere Navale Fratelli Orlando e pasciuto nell’Armando Picchi, dopo 68 presenze e 16 reti dopo tre anni di D nella sua città, compie il gran passo del professionismo nell’estate 2008.

Si sposta appena 43,4 km, sulla strada tirrenica che porta da Livorno a Viareggio, per il suo primo campionato di Seconda Divisione dove segna 6 gol in 30 partite. Passa quindi al Pavia dopo una sola stagione collezionando gli stessi gettoni di presenza e realizzando 9 reti, tre in più dell’annata precedente. Nel 2010 la maturità realizzativa gli vale la chiamata della Juve Stabia in Prima Divisione ma dopo sole sette presenze e nessun gol messo a segno, a gennaio torna in Seconda con il Casale dove totalizza 3 reti in 10 gare disputate.

Il 2011-12 è l’anno della consacrazione: lo chiama il Lanciano dove con 17 gol in 36 partite contribuisce alla prima storica promozione in B degli abruzzesi. Di Pavoletti se ne accorge il Sassuolo che ne acquisisce le prestazioni sportive e ottiene la seconda promozione personale di fila. 11 gol realizzati in 37 partite, di cui ben cinque segnati nelle prime tre giornate (tripletta a Empoli alla terza di campionato).

Però per la A è ancora presto e il Sassuolo cede in prestito Pavoletti al Varese per farsi interamente le ossa: il solito intuito della società neroverde ha i suoi benefici. Il centravanti toscano con 38 presenze e 24 gol accumulati tra campionato e play-out sono determinanti per la salvezza dei lombardi ai play-out contro il Novara. Dei 24 realizzati, quattro sono stati segnati nel doppio spareggio per non retrocedere. Doppietta all’andata e doppietta al ritorno.

Questa volta la A non la toglie nessuno a Pavoletti e Di Francesco decide di dargli possibilità come vice-Zaza. Da settembre 2014 a gennaio 2015 solo 9 presenze e 1 rete. Però al Genoa serve un attaccante nel mercato di riparazione e punta sull’attaccante livornese. La mossa è azzeccatissima: 20 gol in 35 partite giocate in un anno e mezzo. I gol pesanti realizzati soprattutto nell’ultimo torneo di A non passano inosservati, diventando con 14 gol il miglior cannoniere italiano della massima serie, e all’indomani della fine del campionato Conte lo convoca tra i 28 azzurri per lo stage.

Dovesse andare o meno agli Europei, Pavoletti passato dai campi di provincia dell’Armando Picchi Livorno, potrà toccare con mano la sede di Coverciano. Pur di Toscana si parla. E’ sempre la sua terra.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.