Gazzetta di Reggio di giovedì, Gianmarco Pozzecco presenta la partita di domani, Varese-Grissin Bon. “Era impossibile trattenere Polonara”

Il testo di partenza con l’intervista a Gianmarco Pozzecco.

REGGIO. In fondo Gianmarco Pozzecco è un anno più giovane di Massimiliano Menetti… Il tecnico di Varese è al debutto in serie A, è appena alla 2^ stagione in panchina, al debutto aveva portato Capo d’Orlando vicina alla promozione.
“E’ arrivata – racconta -, grazie al mancato ripescaggio di Montegranaro, nel Messinese comunque se l’aspettavano”.
Aspetta la Grissin Bon da capolista e di fronte non avrà Diener, Silins e neanche Darjus Lavrinovic…
“Pesa soprattutto l’assenza di Drake infortunato, avevamo giocato insieme proprio in Sicilia. E’ il più forte del campionato, indubbiamente. Viene avvicendato con Donell Taylor, straniero molto interessante e già capocannoniere, proprio a Reggio, ma non è semplice”.
Aveva fatto in tempo a conoscere l’ex Achille Polonara?
“Neanche. Quando sono arrivato sulla panchina biancorossa si percepiva l’indicazione di lasciarlo libero”.
Neanche ha provato a trattenerlo?
“C’era poco da dire, non era una scelta tecnica, l’avremmo tenuto più che volentieri, la questione era economica. Giustamente un azzurro deve guadagnare quanto merita, non riuscivamo a darglielo, aveva un contratto ma la cessione ha accontentato entrambe le parti. Non potevamo continuare a bloccarlo, a Varese si era trovato bene, le scelte però erano logiche”.
Stupisce che la Openjobmetis, 10 volte scudettata, abbia un potenziale inferiore alla Reggiana, che in bacheca ha solo l’Eurochallenge…
“Lì si può vincere, almeno ci si prova. Non mi interessa mettere pressione sulla squadra di Reggio, però la forza economica è diversa”.
Se chiude gli occhi e pensa alla città del Tricolore cosa le sovviene?
“Due grandi del basket italiano. Mike Mitchell, ricordato alla festa per i 40 anni da Virginio Bernardi. Era un personaggio affascinante, anche solo da avversario. E poi Gianluca Basile”.
E’ rimasto proprio nell’Orlandina, accanto all’altro totem Matteo Soragna, classe ’75.
“Eravamo stati tutti protagonisti dell’argento olimpico, un decennio fa, ad Atene. C’era coach Recalcati, mancò giusto qualcosa nella finale con l’Argentina. Con Gianluca siamo amici, per i tre anni trascorsi alla Fortitudo Bologna; Teo era mio compagno di camera in nazionale. Lego a loro i momenti più belli della carriera, sono persone straordinarie”.
Voleva portarli con sè anche in Lombardia?
“Due estati fa li avevo incontrati, ero molto lusingato che avessero scelto me e l’Upea. Mi spaventava la confidenza totale che avevamo, la loro intelligenza però ha fatto la differenza”.
Le va di giocare la partita di domenica in anticipo, per la Gazzetta di Reggio?
“Volentieri”.
Partiamo dal duello in regia, fra l’ex Dawan Robinson e Cinciarini.
“Per certi versi sono playmaker simili, hanno forza fisica, personalità, temperamento. Amano la penetrazione, piuttosto che tirare. Sarà un confronto chiave, come sempre”.
E le guardie?
“Rautins è solo di origine lituana, è canadese. Sono ottimi tiratori, Kaukenas è più esperto, Andy peraltro ha mostrato grandissime cose in Europa. Entrambi sono molto intelligente, qualsiasi allenatore vorrebbe allenarli”.
In posizione tre, Diawara e Donell.
“Il francese è nazionale, viene dalla Nba, con i Miami Heat. Taylor è appena rientrato però lì è stato primattore per due stagioni”.
Siamo all’ala grande. Kangur viene dagli scudetti con Siena e Milano, è più forte di Polonara?
“E’ più fisico, Achille è maggiormente atletico”.
E fra Daniel e Cervi chi è superiore?
“Sono centri completamente differenti”.
Menetti è più bravo di Pozzecco?
“Vediamo sabato”.
Almeno in cucina, no?
“In che senso?”.
Ha il diploma di chef…
“Già, ora ricordo. Però me lo spiega un’altra volta, ora devo andare a seguire le partite di Reggio al videotape”.
Vanni Zagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *