Il Gazzettino, a Riccione i campionati italiani di nuoto. Detti abbatte il record italiano di Rosolino nei 400 sl, resisteva da 17 anni. Due podi per Federica Pellegrini. Il primato mondiale juniores per un 18enne varesino. Dotto e altri 3 ai mondiali sui 100 stile

Gabriele Detti (corriere.it)

Vanni Zagnoli
A Riccione si aprono i campionati italiani di nuoto con due podi, per Federica Pellegrini. Nei 100 dorso, gara per lei insolita, è terza in 1’01”13, dietro a Quaglieri e a Zofkova. Sta troppo sott’acqua, aumenta comunque il ritmo rispetto al 2° posto in batteria. Al mattino aveva spiegato: ”Sarà una settimana molto intensa, con tante gare: dorso, stile libero e staffette. La delusione olimpica? L’ho superata in inverno”. Poi è seconda nella 4×100 sl, con l’Aniene, in 3’42”62, contro il 3’41”23 dell’Esercito, che in prima frazione ha la padovana Aglaia Pezzato, di Vigonza. Parte Ceracchi, di 10 anni più giovane di Federica, poi Di Liddo e Margherita Panziera, 21enne di Montebelluna: Pellegrini offre un discreto lanciato, in 54”42.

La giornata è memorabile per la caduta di uno dei primati italiani più prestigiosi, di Rosolino nei 400 stile, che gli valse l’argento di Sydney 2000. Glielo leva Gabriele Detti (3’43”36), 4 centesimi limati nel finale, per il miglior crono mondiale stagionale. Nei 200 farfalla vince la fidanzata Stefania Pirozzi, che pure si allena a Livorno: terza Ilaria Cusinato, 17enne di San Martino di Lupari, in 2’10”87. La friulana Alice Mizzau si riprende i 400 sl: 4’07”92, ma per il pass mondiale serviva il 4’06”19. Luca Dotto da Camposampiero onora il suo titolo europeo vincendo i 100 stile in 48”66. Precede di due centesimi Vendrame, mentre Magnini è quarto e pure si qualifica per il suo 8° Mondiale, a 35 anni. “Ho vinto d’esperienza – racconta il padovano-, non potevo essere da meno di Rossella”. La Fiamingo, fidanzata spadista, prima domenica in coppa del mondo. In batteria, l’impresa è del varesino Niccolò Martinenghi, 18enne primatista mondiale juniores, in 26”97 nei 50 rana. E’ il primo qualificato per Budapest, 10° tempo mondiale della storia. In finale è oro davanti a Scozzoli e a Mattia Pesce (27”52), veneziano di Scorzè. E nei 100 dorso vinti da Sabbioni è terzo il friulano Matteo Restivo, in 54”35.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.