Il Giornale di Sicilia, Carpi-Trapani 2-1. Il buon avvio dei granata e l’ottimo secondo tempo. Le qualità individuali dell’attacco di Castori

Doppietta di Kevin Lasagna che arriva a 13 reti in stagione (ilovepalermocalcio.it)

CARPI
Vanni Zagnoli
Il Trapani resta lì, in zona playout, al momento spareggerebbe con il Vicenza, ma avrebbe meritato il punto, al Cabassi. Ha creato parecchio, anche concesso, in una partita molto emozionante, incertissima sino al termine
L’avvio è del Carpi, alla ricerca dell’ultimo posto da playoff e con questo successo dentro. All’8’, da angolo, palla al palermitano Totò Di Gaudio, che centra, Poli anticipa Pigliacelli di testa ma spedisce a lato. Le squadre di Castori hanno l’abitudine di lasciare l’iniziativa, come quelle di Calori, che peraltro a Trapani è più convincente, sul piano del gioco, e allora ne esce un confronto molto avvincente. I granata insistono a destra, con Casasola e Nizzetto. Che sta al Trapani come Di Gaudio al Carpi e difatti è l’esterno delle promozioni biancorosse a vivacizzare gli attacchi modenesi, da sinistra. Si procede così, con aggiramenti dalle fasce, e Coronado chiuso dalla difesa emiliana, sempre molto attenta. Il Trapani prende il sopravvento, con Barillà avvicina il vantaggio, si espone però al contropiede, lanciato da Mbakogu. Il centravanti cresciuto anche nel Palermo invita in corridoio Lasagna, Visconti è preso d’infilata e l’attaccante già acquistato dall’Udinese spezza il digiuno di reti del Carpi, a 293’. E’ mancata la copertura a centrocampo, di Colombatto. La reazione trapanese è discreta ma improduttiva. Arriva così il raddoppio del Carpi, su azione a sinistra di Letizia per Di Gaudio, cross al centro deviato che diventa per la punta che fa doppietta. Davanti al ds dell’Udinese Nereo Bonato e a quello del Sassuolo Giovanni Rossi. Alla ripresa il Trapani riapre la gara con una gran conclusione da fuori di Coronado che sorprende Belec, a fil di palo. Gli uomini di Calori meriterebbero il pari, per il colpo di testa di Pagliarulo, fuori, su angolo di Coronado, e per il cross di Casasola che che Citro controlla di prima intenzione, spedendo a lato. Citro era entrato per Jallow, leggermente infortunato, avvicina ancora il 2-2 con una conclusione di controbalzo da posizione defilata. Il centinaio di tifosi del Trapani nel settore distinti rimane in attesa di un pari che non arriva, per una delle squadre più in forma del campionato. Pigliacelli invita Mbakogu a calciare da centrocampo, al volo, la palla rimbalza a un metro dalla porta. E’ sempre la premiata coppia Mbakogu-Lasagna a portare scompiglio, Kevin calcia a botta sicura, Pagliarulo respinge in spaccata. E allo scadere su cross di Visconti è Casasola a girare a lato di testa. Serviva un pizzico di precisione in più, per cogliere un punto che alla fine potrebbe mancare, per la salvezza diretta.
vzagn
Carpi-Trapani 2-1
Carpi (4-4-2): Belec; Sabbione, Romagnoli, Poli, Letizia; Jelenic (45’ st Mbaye), Lollo, Bianco, Di Gaudio (24’ st Concas); Mbakogu, Lasagna (48’ st Beretta). A disp.: Petkovic, Fedato, Concas, Lasicki, Bifulco, Seck, Forte. All. Castori.
Trapani (4-3-1-2): Pigliacelli; Casasola, Pagliarulo, Visconti, Legittimo; Maracchi (42’ st F. Rossi), Colombatto (26’ st Manconi), Barillà; Nizzetto; Coronado, Jallow (9’ st Citro). A disp.: Guerrieri, Fazio, Raffaello, Curiale, Ciaramitaro, Rizzato. All. Calori.
Arbitro: Piccinini di Forlì.
Reti: pt 23’ e 41’ pt Lasagna, 3’ st Coronado.
Note: ammoniti Letizia, Colombatto, Belec. 5mila spettatori. Recupero: pt 2’, st 6’.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.