Il Gazzettino, il mercato della serie B. Il Padova e il Cittadella cercano un rinforzo per reparto, per evitare i playout e per la serie A diretta. Il Verona sarebbe già forte così, il Venezia ha Di Mariano e Falzerano richiestissimi

Francesco Di Mariano (millecuorirossoblu.it)

Anche in serie B è partito il mercato, per ora senza grandi colpi, almeno a nordest.
Il Verona non cerca molto, era già stato costruito per la serie A ma aveva iniziato maluccio, il ds Tony D’Amico non ha esonerato Fabio Grosso, si spera nella promozione, magari tramite i playoff. E’ richiesto l’attaccante Cissè, in B, l’Hellas tuttavia non se ne priverà.
Il Venezia era convinto di avere costruito una squadra da potenziale serie A, per Stefano Vecchi, con Zenga (a Dubai con la famiglia) va meglio ma il presidente Joe Tacopina difficilmente investirà molto. Soprattutto, il ds Valentino Angeloni dovrà trattenere Di Mariano, richiesto anche in A e Falzerano, in scadenza, richiesto dal Perugia. Il Cittadella cerca magari quel ritocco per reparto per l’ultimo salto di qualità, la famiglia Gabrielli spera nella prima serie A della storia, dopo tre playoff, di cui due con Venturato, questa settimana a Cremona. 
«Di sicuro – spiega Roberto Venturato – cerchiamo un terzino sinistro per sostituire Rizzi, infortunato. La squadra è abbastanza completa, non prevedo rivoluzioni». Martedì la ripresa al Tombolato. In avanti piacciono Cernigoi (Pisa) e Ceravolo (Parma, spesso infortunato).
Al Padova è indispensabile un rinforzo per reparto, per evitare il ritorno immediato in C. Bisoli è a Porretta Terme, nel Bolognese, lunedì la ripresa, a Padova, intanto il ds Giorgio Zamuner è impegnatissimo a rafforzare i biancoscudati. Si cerca in primis un centrale difensivo, per Andelkovic concorrono Foggia e Cremonese, l’alternativa è Fornasier, del Pescara. Intanto il portiere Minelli prolunga sino al 2020, possono invece partire Minesso e Contessa. Dovrebbe tornare l’attaccante Mbakogu, svincolato dal Carpi, che aveva portato alla quasi salvezza in A.
Venete a parte, è molto attiva la Cremonese, la presidenza Arvedi insegue il ritorno in A, mentre a Lecce si spera nel doppio salto, con Liverani. A Brescia il presidente Cellino vuole risalire, al secondo tentativo. A Livorno il ds è Fulvio Pea, ex tecnico del Padova, pure all’inseguimento degli innesti per evitare i playout.
In serie C, il Pordenone cerca soprattutto di non cedere nessuno, forte di 8 punti di margine sulla Triestina. Il Vicenza ha bisogno di rafforzarsi, con Michele Serena punta a mantenere il posto nei playoff, il primo anno di fusione con il Bassano per ora non ha portato lo squadrone sperato, è a -11 dai ramarri. La Virtus Verona è terzultima, senza rinforzi rischia di ritornare in serie D. 
In B e in C, molte trattative sono a ruota rispetto a quelle di secondo piano in A. I ds e i dg scandagliano gli organici delle categorie superiori, alla ricerca del prestito a buon mercato, di talento finito in panchina, per cambiare faccia alla stagione spendendo il meno possibile. Al netto degli infortuni, Ciciretti in A mai avrà una chances vera, fra Benevento, Napoli e Parma, ma in B resta un lusso. Escluso in A, si ricorre poco agli stranieri.
Vanni Zagnoli

Da “Il Gazzettino”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.