Il Gazzettino. Serie A, Juric supera il Verona, la Fiorentina rimonta con il Sassuolo, l’Empoli domina a La Spezia

(toronews.it)

https://www.ilgazzettino.it/pay/sport_pay/le_altre_partite_juric_supera_il_verona_che_ha_condotto_per_due_campionati_a-6394960.html

Juric supera il Verona, che ha condotto per due campionati a metà classifica, e si posiziona al 10° posto. Realizza Pobega e all’Olimpico è il 6° successo in dieci partite, complice l’espulsione di Magnani a metà primo tempo, ma L’Hellas quasi meritava il pari. Juric rinuncia a Baselli e Zaza, da cedere, mentre i gialloblù perdono Barak, nel ripescaldamento. Magnani sbaglia il controllo e stende Sanabria lanciato a rete, Fabbri ammonisce, è richiamato dal Var Ghersini e al monitor cambia la decisione: punizione di Rodriguez, Sanabria devia con il fondoschiena e il giuliano Pobega infila. Nella ripresa palo di Faraoni, ma c’è fuorigioco, occasioni per Sutalo, Tameze e Faraoni.

A mezzogiorno, la rimonta della Fiorentina con il Sassuolo, avanti con le reti dell’azzurro Scamacca e di Frattesi, destinato alla nazionale. Nel secondo tempo segnano Vlahovic e Torreira, poi Italiano leva il capocannoniere, che non gradisce, anche perchè vuole battere il record di gol in un anno solare di Cristiano Ronaldo, nel 2020, per ora l’ha eguagliato, con 33 reti.

La Fiorentina è in zona Europa league, manca dal febbraio 2017, quando si fece battere al Franchi dal Borussia, superato a Monchengladbach, il potenziale non è inferiore a quello dell’Atalanta, non a caso battuta a Bergamo.

A La Spezia domina l’Empoli eppure si ferma sull’1-1, decidono le autoreti, dell’ex Marchizza dopo l’intervallo, su azione di Reca e deviazione di Maggiore, e di Nikolaou, su cross di Zurkovski. Infine il rigore concesso a Pinamonti e poi cancellato dal var per un tocco di fianco, di Amian, non di mano. E’ la migliore stagione nella storia dell’Empoli, in Europa 15 anni fa grazie a calciopoli ma ora già salvo, con 17 punti sulle terzultime, a un giornata dal giro di boa. I liguri con Thiago Motta rischiano di non salvarsi, il brasiliano dagli avi rodigini non meritava questa chance, nè di partire dal Genoa, dove fu esonerato.

Vanni Zagnoli

Da “Il Gazzettino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.