Il Gazzettino, volley. E’ successo davvero, Civitanova fa cadere Perugia, imbattuta da 3 anni, a Pian di Massiano. Due set molto umbri, il resto sono muri e attacchi dei cubani e difese di Balaso e regia di Bruninho. E’ il 5° scudetto in 14 stagioni. La serie di trofei persi in finale si è fermata a 7

(legavolley.it)

Civitanova faceva quasi tenerezza, per davvero. Basta l’ironia di Fefè De Giorgi per interrompere la sequenza negativa da record dello sport mondiale. Non è il secondo scudetto (di fila) di Perugia, nè l’8^ finale in sequenza persa dai marchigiani, come rosa più completi dei campioni d’Italia. Crolla il fattore campo, la Sir Safety da tre anni non perdeva a Pian di Massiano, nei playoff, si è aggiudicata la regular season ma da due anni non vince in trasferta, sempre nella postseason. E’ 2-3 Civitanova, ieri e in serie. 
Il presidente Gino Sirci si è preso Wilfredo Leon, cubano che debutterà nella Polonia, agli Europei, per aggiudicarsi la Champions league, è uscito di nuovo contro i russi, come l’anno scorso in semifinale, il bilancio resta positivo perchè dopo la coppa Italia, eppure è la Lube a portare via lo scudetto all’Umbria. Sabato, dalle 19, su Dazn l’ex Macerata tenta la doppietta, comunque non chiude la seconda annata consecutiva con il pieno di finali perse: Kazan con Ngapeth e Anderson (che giocherà a Modena) è favorita, in realtà un anno fa era sotto 22-18, nel tiebreak, eppure la riprese.
Ieri sera, non lontano dallo stadio Renato Curi, i cucinieri hanno perso 25-22 e 25-21, concedendo la bellezza di 9 aces. Juantorena aveva chiesto di giocarla, perlomeno, di fatto i biancorossi l’hanno regalata, soffrendo anche Pippo Lanza, che dimostra perchè resta il miglior schiacciatore italiano, assieme al cubano naturalizzato speriamo qualifichi la nazionale per Tokyo 2020. Il sestetto di Lollo Bernardi mantiene 3-4 punti di margine nel secondo parziale, si becca 2 muri e sul 21 pari il resto del volley italiano tifa per il padovano Balaso e compagni, non più straordinari perdenti di successo, e lì Lanza piazza due servizi e una parallela di astuzia. Nel terzo, 3-8 Lube e 12-25, si arriva almeno al quarto, 21-25 con anche l’ingresso di Jiri Kovar. Il tiebreak è solo civitanovese, 3-8, 4-10 con il muro di Simon su Leon. Dal 2005 non si verifica un bis scudetto, fu il tris dell’ultima Sisley Treviso. 2-3 Civitanova.
Vanni Zagnoli

Da “Il Gazzettino”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.