Il Messaggero. L’Italia ai quarti del mondiale under 17: l’unica semifinale fu nell’87. Oristanio con una punizione alla Recoba evita i supplementari, contro l’Ecuador

(calcio.fanpage.it)

Dopo 10 anni, l’Italia è ai quarti del mondiale under 17. Batte 1-0 l’Ecuador con la punizione di Oristanio al 32’ st, sinistro da oltre 30 metri, affronterà il Brasile padrone di casa, lunedì a mezzanotte. Con il Paraguay aveva mollato nell’ultima gara del girone, per evitare l’Argentina, strategia vincente.
A Cariacica, i gradi sono 32, l’avvio è comunque gialloblù, il 4-3-1-2 di Carmine Nunziata regge, anche perchè Pirola in difesa è una sicurezza. Il ritmo è basso, lo testimonierà anche il gps, sotto la maglia azzurrina: Lamanna mette sul fondo di testa, mentre Chavez punge per due volte. Delgado è distratto sul pressing di Gnonto, Nicola Cudrig non è convinto e il portiere Lopez respinge. Cresce verso la mezzora il trio italiano di colore, Gnonto sbaglia a porta vuota. Metà ripresa è azzurrina, con due parate di Lopez, mentre Molla devia su Mina. Ruggeri sbraccia appena su Cabezas, l’arbitro concede il rigore e poi lo leva al Var. Un attimo dopo il capolavoro di Gaetano Oristanio.
Vanni Zagnoli
Italia: Molla (Bologna); Lamanna (Cremonese), Dalle Mura (Fiorentina), Pirola (Inter), Ruggeri (Atalanta); Brentan (Sampdoria) (23’ st Boscolo Inter), Panada (Atalanta), Udogie (Verona); Tongya (Juventus); Cudrig (Monaco) (1’ st Oristano, Inter), Gnonto (Inter) (34’ st Barbieri, Novara).

Da “Il Messaggero”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.