Il rientro di Matri alla Juve dopo solo un anno e mezzo non convince. Ibarbo è la scelta giusta per il tridente romanista. Santon – Inter atto II funzionerà?

140909210-9af8bc0f-7cb6-459f-bf9a-ec85e1be66d4
Alessandro Matri

Tre modi diversi per chiudere il mercato.

La Juve dopo Sturaro per il centrocampo ha rilevato Matri dal Genoa per completare il reparto offensivo e rimpinguare la partenza di Giovinco. Sarà sicuramente Allegri che ritrova il suo pupillo dopo averlo avuto alle sue dipendenze al Cagliari dove fece benissimo e al Milan dove steccò. Al Genoa Matri aveva ritrovato una seconda vita, ma il ritorno alla Juventus chissà se sarà produttivo.

La scelta più vincente probabilmente è stata della Roma: ha preso Ibarbo dal Cagliari, dopo aver acquistato il centravanti Doumbia, per il suo 4-3-3 offensivo e le sue caratteristiche si sposano bene con il gioco di Garcia. Però il tecnico francese ancora non può ancora avvalersi delle prestazioni dell’attaccante colombiano sulla fascia a causa di un infortunio. Sarebbe stato utile in questo momento considerato anche lo stop di Iturbe che dovrà stare fermo sei settimane. Si tratta comunque di un grande giocatore, potenzialmente.

L’Inter si è voluta cautelare con Santon. Il 23enne terzino potrebbe il titolare indiscusso sulla fascia sinistra visto che chi lo ha preceduto non è stato all’altezza della situazione. Mancini potrebbe recuperarlo, ha il passo per spaccare le partite partendo dalla sua corsia preferenziale.

Biagio Bianculli

 

(v.zagn.) Santon fu titolare in serie A a 16 anni, direi, nell’Inter di Mourinho, poi si è perso. Matri è una scommessa, negli ultimi anni è in ribasso. Ibarbo è un grandissimo, invece.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.