Ilmessaggero.it. Bologna vince il 14° scudetto, 13 sono della Fortitudo: 5-6 a San Marino. Bassani mvp

(ilmessaggero.it)

https://www.ilmessaggero.it/sport/altrisport/bologna_vince_14_scudetto_13_fortitudo_5_6_san_marino_bassani_mvp-5495363.html

di Vanni Zagnoli

Chissà quando tornerà a vincere uno scudetto, la Fortitudo, nel basket, dopo i due con la proprietà di Giorgio Seragnoli, arrivati in questo millennio con Recalcati e poi con Repesa. La sfida Milano-Bologna Virtus promette di caratterizzare la pallacanestro chissà per quanto, almeno finchè saranno in vita i patron, Giorgio Armani e Massimo Zanetti, ovvero mister moda e mister caffè.

Intanto l’altra Bologna fa incetta di trofei nel baseball. Ieri sera ha superato San Marino nella finale per il tricolore, alla 7^ gara. Sei a cinque fuori casa, a Serravalle, uno dei castelli (quartieri, di fatto) della repubblica del Titano. E’ il terzo alloro in sequenza per la F scudata, è parte della polisportiva, al punto che il comunicato stampa è veicolato dallo stesso ufficio della pallacanestro. Il manager Lele Frignani dunque gioisce, il batti e corri in Emilia Romagna è molto sentito, peccato che il campionato quest’anno sia stato davvero esclusiva della regione più ricca, forse, d’Italia, anche di sport. C’erano UnipolSai Bologna, appunto, Collecchio (Parma) e Godo (Ravenna), Parma Clima, T&A San Marino e solo una sesta squadra, gli Angels Macerata, dunque Marche. Insomma, il massimo campionato delle mazze è limitato ai 390 chilometri che separano la città ducale dalla città universitaria delle Marche.

Nell’albo d’oro del baseball, resta avanti Nettuno, con 17 scudetti (più 9 finali), davanti a Rimini (13, più 11 finali) e alla Fortitudo Bologna (più 6 finali). Anzi, per titoli, la Dotta è a -3 dalla cittadina laziale, Parma è quarta con 10 titoli più una finale. Poi Milano (sparita) con 8, San Marino, Grosseto. Chiudono Roma e Lazio con due campionati vinti a testa e la Fiorentina con uno.

La Fortitudo passa nonostante l’infortunio a sorpresa che al secondo inning per Murilo Gouvea-Brolo, il pitcher italo-brasiliano che era stato l’eroe di gara-quattro, con 103 lanci e nessun punto concesso ai titanici. 

Frignani è al quarto campionato vinto in un lustro, arriva nonostante la panchina per capitan Vaglio. Gioscono il presidente Pierluigi Bissa e Christian Mura, che ha puntato su giovani italiani, più gli olandesi Ray-Patrick Didder (il migliore), Eugene Helder (esploso in finale con un fuoricampo) e il massiccio Randolph Oduber.

Mvp della partita di spareggio è il lanciatore Alex Bassani, dentro per il ko di Gouvea-Brolo, resta sul monte per oltre 4 riprese, concedendo poco. La difesa petroniana va in difficoltà solo sull’errore di Helder, Bassani risponde di talento e tiene lontano San Marino. Sul 6-4, nell’ultimo inning, arriva il fuoricampo, di Federico Celli, ma da un punto.

Sul 6-5, con un eliminato e ancora due da realizzare, Frignani lancia Pippo Crepaldi, che lascia una base ball ad Avagnina, poi Angulo si fa eliminare al volo. Mattia Reginato aveva autografato un fuoricampo in gara-cinque e un altro in gara-sei, ieri è finito al piatto, strikeout.

Ai festeggiamenti partecipa anche Federico Frassinella, lo speaker che di mestiere è giornalista, all’ufficio stampa del Bologna calcio. Girerà la notizia a Joey Saputo, canadese di Sicilia. Dall’altra parte del mondo il baseball è epica, mica come da noi.

Da “Il Messaggero.it”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.