Ilmessaggero.it e ilmattino.it. Il 6-2 atalantino fuori casa, la tripletta di Ilicic, il gol, i due assist e la traversa del Papu. Gasperson è l’allenatore più sottovalutato al mondo. Se De Zerbi per 3 volte è stato osservato dal Barcellona… Il popolo orobico invade

Ilicic ha segnato una tripletta (ilgiorno.it)

https://www.ilmessaggero.it/sport/calcio/l_atalanta_travolge_6_2_il_sassuolo_gomez_e_ilicic_protagonisti-4199289.html

https://sport.ilmattino.it/calcio/l_atalanta_travolge_6_2_il_sassuolo_gomez_e_ilicic_protagonisti-4199337.html

di Vanni Zagnoli

E’ sempre uno spettacolo vedere in azione l’Atalanta, tantopiù dal vivo. A Reggio è di casa da due stagioni, grazie alla coppa, adesso insegue direttamente la Champions league, la prima di Giampiero Gasperini. Il tifo è impressionante, è l’ambiente che vorrebbero anche Giorgio Squinzi e signora, accompagnati negli spogliatoi nel preparati dall’ad Carnevali.
Vincono i bergamaschi, avanti di due reti per due volte, il Sassuolo si avvicina grazie all’autorete, un rituale, con i nerazzurri, ma poi crolla, sul 2-6, addirittura. Da match di tennis, insomma.
La differenza è dall’inizio, con la voglia di fare la partita, a prescindere, dalla Dea, sempre più bella. Di fronte c’è De Zerbi, osservato per tre volte dal Barcellona, ma ha ragione Mazzarri: “Allena da un anno e mezzo”. In A, intende.
Gasperini da molto più tempo, ha sbagliato solo a Palermo, da anni vale una grande, almeno all’estero, a Bergamo sta da re. Duvan Zapata segna ancora, al 19’, in acrobazia, sulla punizione potente di Gomez. Pasalic è bravo ma impreciso sottoporta, come in Europa. Matri manca il pareggio, stoppa e calcia fuori. Raddoppia il Papu, azione personale dal limite e super sinistro. Poi Consigli evita il tris, del colombiano.
L’1-2 è di Duncan, servito da Magnani, al 7’ in due minuti l’Atalanta riprende il totale controllo del match, con l’angolo di Gomez, la sponda di Palomino e il destro puntuale di Mancini, azzurrabile. Matri e Berardi avvicinano il 2-3. Trovato da Duncan, sinistro con deviazione di Palomino. Zapata non centra il 2-4, poi la traversa di Gomez e il poker di Ilicic, imbeccato da Toloi. 2-5, con il 5° gol stagionale dello sloveno, servito di nuovo dal Papu. Nel recupero ancora Josip Ilicic, in assolo.
Il resto è festa orobica, dal pari con la Juve alla voglia di quarto posto o almeno di settimo. Lavorano alla grande il ds Sartori e il dt Zamagna. Peccato solo che in campo ci sia appena un italiano, Gianluca Mancini, rivelatosi in B nel Perugia e adesso davvero sicuro. Il centrocampo è superiore.

Da “Ilmessaggero.it”, “Ilmattino.it”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.