Ilmessaggero.it, Ilgazzettino.it, Ilmattino.it, europei di volley. Tris dell’Italia, battuta 3-1 la Romania grazie agli aces

(sportmediaset.mediaset.it)

https://www.ilmessaggero.it/sport/altrisport/pallavolo_europei_italia_vittoria_romania_risultati_volley-4736192.html

https://sport.ilmattino.it/altrisport/pallavolo_europei_italia_vittoria_romania_risultati_volley-4736211.html

https://sport.ilgazzettino.it/altrisport/pallavolo_europei_italia_vittoria_romania_risultati_volley-4736231.html

di Vanni Zagnoli

Un altro set lasciato per strada, ma l’Italia resta imbattuta, agli Europei di volley. Il 3-1 sulla Romania è molto più facile di quello alla Grecia, perchè sul 2-0 un rilassamento è accettabile. Lo sbilancio degli aces, di 15-1, è raro, in una manifestazione di questo livello, rende l’idea della differenza di valori, del resto i giallorossi sono al primo set vinto.
Gioca Lanza, anche perchè Antonov deve fare i conti con una tendinopatia, sbaglia la ricezione del 10 pari ma contro una nazionale modesta è efficace anche in attacco, metterà 13 punti. Al centro ci sono Anzani, che trova un ace, e Piano. Juantorena è in giornata, Zaytsev è perfetto (27 punti finali), con il terzo ace arriva il 19-12, il 25-15 conferma la sperequazione delle forze in campo. La battuta entra (7 vincenti nel primo parziale), i 5 errori rientrano nell’idea di forzare, ne vale la pena; solo la ricezione è imperfetta. Come libero gioca inizialmente Balaso, con Colaci fra gli specialisti della difesa è tra i migliori al mondo.
L’impianto di Montpellier è splendido ma semivuoto, come sempre nel girone. I 560 spettatori assistono anche a un tocco a rete fortunato di Zaytsev, a chiusure da attaccante di Giannelli, sull’11-7 è di nuovo facile. Nelli trova 5 aces, entra giusto per battere e vive la sequenza migliore, in azzurro: era già stato importante nel preolimpico, contro l’Australia. Il 22-13 rende l’idea della superiorità italiana, il muro di Anzani e il servizio di Giannelli portano al 25-14, inatteso, dopo quel primo set regalato alla Grecia. 
I romeni salgono di efficacia sul 2-6, trovano puntualità offensiva (10-13), Juantorena manca il contrattacco della parità. Entra Candellaro, per battere, i giallorossi arrivano comunque sul 17-21. Due buone battute di Zaytsev non bastano per cambiare la storia del set, determinata anche da una schiacciata romena clamorosamente oltre le colonnine di fine rete: gli arbitri prendono un abbaglio e non cambiano idea. Sul 20-24 l’Italia recupera tre punti, con Sbertoli al servizio, si arrende sul tocco di seconda del palleggiatore Bartha: l’ingresso dell’opposto Matei ha creato grattacapi. Nel quarto resta al centro Candellaro, al posto di Anzani, per l’efficacia in battuta. Ritorna la puntualità offensiva, sul 12-5, il muro di Zaytsev vale il 19-10. Entra il 19enne Lavia, si fa murare una pipe, poco male perchè la chiusura è sul 25-14. In serata arriverà la qualificazione matematica agli ottavi, poichè il successo della Francia sul Portogallo è scontato.
E’ positivo anche l’Europeo dell’Olanda del parmigiano Roberto Piazza e della Slovenia del maceratese Giuliani, alla guida delle nazionali di due dei 4 paesi organizzatori. In difficoltà la Germania di Andrea Giani, con due sconfitte, contro Serbia (è tornato ct Kovac, al posto di Grbic) e Belgio. Non si è qualificata per la fase finale, invece, la Svizzera, guidata dal brianzolo Mario Motta.
Martedì alle 19,30 (su Raisport e Dazn) l’Italia affronterà la Bulgaria del 72enne Silvano Prandi, cuneese in panchina dal ‘76, ininterrottamente. Lì c’è il rischio di lasciare anche più di due set…

Da “Ilmessaggero.it”, “Ilgazzettino.it”, “Ilmattino.it”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.