Ilmessaggero.it, Ilmattino.it, Ilgazzettino.it, volley. Europei donne, Italia sconfitta per 3-1 dalla Serbia, addio finale

(ilmessaggero.it)

https://www.ilmessaggero.it/sport/altrisport/volley_mazzanti_pallavolo_serbia_italia-4719878.html

https://sport.ilmattino.it/altrisport/volley_mazzanti_pallavolo_serbia_italia-4719886.html

https://sport.ilgazzettino.it/altrisport/volley_mazzanti_pallavolo_serbia_italia-4719898.html

di Vanni Zagnoli

Tradisce Paola Egonu, fatica in regia Malinov, Sylla sparisce dagli attacchi, così l’Italia perde la semifinale con la Serbia per 1-3. Ad Ankara giocherà domani dalle 16 la finale per il terzo posto e neanche avvicina la rivincita della finale mondiale perduta un anno fa.

Stavolta le azzurre avevano cominciato bene, sul 7-3 serve il timeout di Terzic, poi la mancina Boskovic trova uno splendido angolo. Sorokaite è inizialmente puntuale, come Folie. La musica accompagna ogni punto, anche gli errori: due di Sylla, uno di Boskovic, si resta con 4 punti di margine. Due sono anche gli errori di Egonu, in attacco e in ricezione, sul 14-13 serve la sospensione di Mazzanti. Sorokaite si fa murare, esce per un attimo per Beatrice Parrocchiale, lì si procede punto a punto, il sorpasso è sul 20-21, con Boskovic. Quando Folie si fa murare, il -2 equivale a una sentenza, tantopiù con la diagonale fuori di Egonu. Il 22-25 è frutto della migliore ricezione serba e del coinvolgimento delle centrali.

E’ necessaria la grinta di Sylla per ripartire nel secondo parziale, un errore di Malinov e una battuta deviata dal nastro annullano il +3 azzurro. Ritorna con l’ace di Egonu, i muri su Sorokaite e su Egonu costringono Mazzanti a spezzare i timori, sul 9 pari. Folie tocca fuori, Egonu anche, serve l’opposizione a muro di Folie per ritornare in parità. La Serbia ha più varietà di colpi, sul 12-14 Boskovic esulta rabbiosa, a dimostrare una maggiore convinzione, e il libero Silvija Popovic esulta per il campo come una gallina, quasi irridente. Egonu e Sylla di nuovo non trovano le righe, sul 12-16 è davvero allarme rosso. Mazzanti cambia l’alzatrice, Orro per Malinov, Mihajlovic esce per Milenkovic, il muro e due aces di Egonu valgono il 17 pari. La serie in battuta di Egonu è provvidenziale, ne ricorda alcune di Zaytsev e porta a un vantaggio non più atteso. Il problema è sempre l’altalena, Egonu manda lunghe due bordate, vuole strafare, esce dal match. Sbaglia il tempo di schiacciata per due volte, sul 20-23 anche il secondo set è andato. Dentro Fahr per Folie. Sono rientrate, intanto, Malinov e Mihajlovic, precisa. Egonu di nuovo non trova l’incrocio delle righe, il 21-25 fa davvero male. Le alzate imperfette di Malinov, le sparate eccessive di Egonu sintetizzano il pomeriggio negativo. Per evitare il muro, la nigeriana di Padova non trova la misura. 

Nel terzo, il palleggio sbagliato da Folie è un ulteriore segnale di affanno psicologico. Sul 3-6 Egonu continua a non trovare la misura, andrebbe sostituita, lì si avvertono l’assenza di Pietrini e le imperfette condizioni di Lucia Bosetti, in panchina. L’Italia comunque risale, sull’11-9, il livello di gioco scende, con battute errate. 

Boskovic azzecca due aces, uno evidenziato dal challenge, la Serbia avanza sul 15-16. Sorokaite mette un servizio vincente, sul 19-18 torna la speranza negli occhi. Sylla si scioglie in un sorriso, di fronte all’erroraccio di Mihajlovic. Indre Sorokaite e Folie portano al 22-18, lì è fatta per l’Italia, con la ricezione di Parrocchiale e 5 punti di fila. Sylla si fa murare, l’errore è assorbibile perchè Egonu ha ripreso convinzione e chiude sul 25-21. Le azzurre respirano di sollievo, non potevano uscire dall’Europeo con lo 0-3. 

A 35 anni, Ognjenovic si conferma la miglior alzatrice al mondo, gestisce bene l’avvio di quarto parziale, sul 4-7. Entra la 17enne Sarah Fahr al centro, per Folie. La grinta di Veljkovic quasi spaventa, a Novara ha vinto la Champions league con Chirichella. La ricezione lunga di De Gennaro e il diagonale abbondante di Egonu portano la Serbia sul 9-12. La nostra bombardiera è nella giornata peggiore della carriera, si macchia del 10-15. “E’ il momento adesso, eh”, dice soltanto Mazzanti, nel timeout. Quando Sorokaite mette fuori la parallela, l’11-17 non lascia spiragli. Invece il muro di Fahr e l’errore di Boskovic ridanno il -3. L’altro muro subito e l’ennesima palla fuori di Egonu costringono all’inserimento di Nwakalor e Orro. La ragazza del Volleyro’ di Casal de’ Pazzi si prende la soddisfazione di un ace, seguito dal muro di Fahr. Boskovic sbaglia, è 18-20. Rientrano le titolari e Fahr è murata, conveniva insistere su chi aveva riavvicinato. Sorokaite sbaglia la battuta, Egonu invade. Sono 5 matchpoint, al secondo esulta la Serbia. Campione d’Europa (e del mondo) in carica.

Da “Ilmessaggero.it”, “Ilmattino.it”, “Ilgazzettino.it”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.