Ilmessaggero.it. Lo Spezia rimanda la festa del Benevento. Colpo del Cittadella, Pescara ko allo scadere

https://www.ilmessaggero.it/sport/calcio/lo_spezia_rimanda_la_festa_benevento_colpi_di_cittadella_cosenza_livorno_pescara_ko_allo_scadere-5311553.html

di Vanni Zagnoli

Lo Spezia ribalta la partita di Verona, da 1-0 a 1-3 grazie a due decisioni arbitrali favorevoli, e rimanda la serie A matematica del Benevento, che per un’ora era virtualmente promosso. Il Cittadella sorprende a Frosinone, torna a due punti dal Crotone, bloccato sullo 0-0 a Perugia nonostante oltre un’ora di superiorità numerica. Al terzo posto c’è proprio lo Spezia, a una lunghezza dal Crotone e dalla promozione diretta. 

E’ stata anche la serata dell’Entella, capace di battere la Salernitana e di tornare a un punto dai playoff, e del Pisa, che allo scadere supera il Pescara. Il Venezia rovina il ritorno in serie B di Davide Dionigi, quarto tecnico stagionale dell’Ascoli. Vincono le ultime tre, Cosenza e Livorno in trasferta, ma i toscani restano spacciati. 
Gli stadi sono vivacizzati dagli speaker e dalle musiche, a ogni gol danno entusiasmo come ci fosse il pubblico.

Empoli-Benevento 0-0
Il difensore sannita Tello chiude in avvio su Ciciretti. Samuele Ricci in settimana ha fatto la maturità, è un 2001 interessante, al centro, per l’Empoli. Montipò si salva in angolo sull’incursione di Tutino, che poi ha un duello verbale con Maggio, capitano delle streghe. Hetemaj non riesce a segnare per il Benevento. Bella la parata di Montipò a metà secondo tempo, su Mancuso. Improta calcia centralmente nella controfuga che poteva valere i tre punti per la capolista. Infine Brignoli evita la sconfitta dell’Empoli sul destro da fuori di Hetemaj. 

Perugia-Crotone 0-0
Espulso al 25’ l’umbro Gianluca Di Chiara per il faccia a faccia con il quarto uomo. Attacca il Crotone, senza però continuità. La tensione sul volto di Cosmi sintetizza il coinvolgimento del tecnico perugino. Crociata avvicina il palo, per i calabresi. Cordaz evita l’1-0 volando sul sinistro di Buonaiuto. 

Frosinone-Cittadella 0-2: 42’ Iori rig, 6’ st Luppi. 
Prende campo la squadra di Nesta, avvicina il gol con Beghetto, poi lo subisce, su rigore: Krajnc si fa rubare il tempo da Diaw, poi toccato da Bardi, e Manuel Iori realizza dal dischetto per la 7^ volta in sequenza. Un attimo più tardi Luppi spreca sulla palla sradicata ad Ariaudo. Nel secondo tempo Ardemagni manda alto il pari, sul servizio di Mora. Lo 0-2 arriva sulla punizione di Benedetti per Luppi, la girata in acrobazia è sul secondo palo.

Chievo-Spezia 1-3: st 15’ Segre (C), 27’, 32’ rig e 42’ Galabinov.
Palo di Bartolomei per i liguri alla mezz’ora. La sblocca dal fondo Vignato, per il sinistro perfetto di Segre. Sempre Vignato accelera sulla sinistra, Djordjevic conclude e Capradossi respinge con un braccio ma Dionisi non fischia il rigore. Nell’azione successiva, è in fuorigioco Galabinov, sul calcio piazzato di Bartolomei che entra con un leggero tocco del bulgaro. Espulso il tecnico veronese Aglietti, per la doppia protesta. Poi Mora anticipa Segre e cade in area, il contatto è dubbio e anche in questo caso Dionisi favorisce lo Spezia. Galabinov farà poi tripletta nel finale. 

Entella-Salernitana 1-0: 5’ st Mazzitelli.
Il portiere della Virtus Borra nega il vantaggio ad Aya. Alla ripresa si sente un coro per l’Entella, orchestrato da alcuni tesserati a bordo campo, magari con qualche tifosi fuori dallo stadio. Morra avanza in fascia, Rodriguez con un bel movimento favorisce il sinistro da fuori di Mazzitelli, al primo gol con i liguri. Traversa di Djuric nel finale per la Salernitana.

Pisa-Pescara 2-1: 15’ Belli (Pi), 44’ st Clemenza (Pe), 50’ Soddimo.
Gioisce il presidente Giuseppe Corrado, che anni fa voleva salvare il Parma dal fallimento, è accompagnato in tribuna da Marcello Lippi, l’ospite più vip del turno. Scognamiglio di testa avvicina il vantaggio per il Pescara. Lo ottiene il Pisa, con un’azione degli esterni, traversone di Lisi per Francesco Belli, al primo gol in nerazzurro. Imprendibile il sinistro da fuori di Clemenza. Quando sembra fatta per il punto del Pescara, Pinato crossa da sinistra e Soddimo azzecca il tapin, a 32 anni può ancora incidere.

Venezia-Ascoli 2-1: 8’ Aramu (V), 24’ Scamacca (A); 26’ st Firenze.
Maleh in corridoio per Capello, il cross è smanacciato da Leali, beffato di testa in pallonetto da Aramu. Capello manca il raddoppio (ma è spinto da Cavion), pareggia invece Gianluca Scamacca, su cross dalla trequarti di Ninkovic. Nel secondo tempo Lezzerini si lascia sfuggire un pallone in area piccola ma poi rimedia. Palo di Brosco al 13’, di testa, per l’Ascoli. Il Venezia chiede il rigore per un tocco con la mano forse in area, realizza la punizione dal limite Firenze. Nel recupero un cross sbilenco di Andreoni coglie il palo. Sono due i legni per l’Ascoli, che meriterebbe il pari. Gli arancioneroverdi tornano a vincere in casa dopo 7 mesi.

Cremonese-Cosenza 0-2: 25’ Riviere, 3’ st Baez.
Vince la squadra di Roberto Occhiuzzi, sostituto di Pillon, che aveva a sua volta avvicendato Piero Braglia. Mario Prezioso azzecca un filtrante super, trasformato da Riviere, francese della Martinica. Traversa di Ciofani per i grigiorossi su cross di Bianchetti. Casasola si conferma esterno da serie A, centra per Baez che gira di testa: Ravaglia toglie la palla dalla porta con un pizzico di ritardo, è gol, anche senza la gol line tecnology. Al 32’ il calabrese Idda viene espulso per il tocco di mano su colpo di testa, Daniel Ciofani però si fa respingere il rigore da Perina. 

Juve Stabia-Livorno 2-3: 22’ Calò (J); st 14’ Agazzi (L), 15’ Marras (L), 41’ Cissè (J), 49’ Boben (L).
Su punizione arriva il 4° gol di Calò, il pallone rimbalza a centro area e inganna Plizzari. Agazzi avvicina il pareggio alla ripresa, lo realizza con uno splendido controllo e cambio di piede, sul suggerimento di Porcino. Addirittura raddoppia Marras, sulla palla in profondità di Del Prato. Espulso Germoni, che dalla panchina esagera nelle proteste, chiedendo il fuorigioco di Marras. A 6’ dalla fine cartellino rosso per Porcino, intervento con piede a martello su Canotto. Il 2-2 è su punizione di Calò, al 12° assist stagionale, la girata è di Cissè. Espulso anche Giacomo Ricci, così entrambe le squadre chiudono in 10. Al 4° dei 6’ di recupero Luci crossa, Allievi respinge, Boben raccoglie a centro area e regala il primo successo ad Antonio Filippini.

Classifica: Benevento 73, Crotone 51; Spezia 50, Cittadella 49, Frosinone 48, Pordenone 46, Salernitana 43, Chievo 42; Entella ed Empoli 41, Pisa e Perugia 40, Pescara 38, Venezia e Juve Stabia 36; Cremonese 33, Ascoli 32; Cosenza 30, Trapani 28 (-1), Livorno 21.

Lunedì si ritorna in campo per la 31^ giornata.

Da “Ilmessaggero.it”

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.