Inizio la 25^ stagione di professione giornalistica, grazie a Silvia, a mamma, a papà, ai suoceri

Mi guardo allo specchio e dico. Io, da Reggio Emilia, quanto mi sono dannato. Ma penso ad amici, a un amico vicino a mia madre, da 12 anni, adesso pendolare. O meglio per 12 giorni a Genova e poi ritorna. Muratore. Mah.

Quanto sono fortunato. Silvia, mia madre sta ancora discretamente, i suoceri. Papà da lassù. Che basi poste, che gavetta infinita. Amici di mail, al telefono, tutto. Saluti da Coviolo e presto un video sul mezzo secolo di professione, avviato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.