Olanda-Costa Rica, Toniiavarone.it riprende Il Gazzettino

http://www.toniiavarone.it/news/news/lolanda-passa-ai-rigori-la-costa-rica-esce-con-onore olanda1

 

Da: il Gazzettino del Nordest

 

Passa anche l’Olanda e allora pure i quarti si concludono secondo pronostico, con il passaggio di tutte più accreditate, però servono i rigori per arrestare la favola della Costa Rica. Tiene lo 0-0 per 120’ con molta fortuna, grazie a tre legni (due di Sneijder), allo scadere il citì degli orange Van Gaal fa uscire il portiere Cillisens per Krul e il secondo diventa l’eroe, visto che para il secondo, di Ruiz, e il quinto, di Umana. Mercoledì, alle 22, a San Paolo, la seconda finalista verrà da Argentina-Olanda, rivincita della finale del ’78, conquistata dai sudamericani a Buenos Aires. A Salvador de Bahia, il primo tempo è modesto come sempre, quando va in campo la Costa Rica, perchè ha la capacità di non far giocare gli avversari. L’Olanda aveva rovesciato 3 partite su 4, stavolta non vuole rincorrere e allora oppone la difesa a 5 al 5-4-1 dei Ticos: sulla sinistra spinge poco Daley Blind, figlio di Danny, vice citì. A metà frazione si fa vivo Van Persie a sinistra, calcia da fuori e Navas esce di quel tanto per addomesticare il pallone, idem sul destro di Sneijder; si ripete su Depay, molto defilato. Tejeda e Borges limitano Sneijder e Wijnaldum a centrocampo, un’occasione ce l’ha anche Costa Rica, con Bolanos.

Il ritmo si riabbassa, però l’esterno del Bayern si procura una punizione dai 28 metri e Sneijder fa volare Keilor Navas: si allena fronteggiando palline da tennis scagliate da lontano, se la Costa Rica è arrivata fino qua, lo deve soprattutto a lui. Resiste la tattica esasperata della nazionale di Pinto, anche se Robben fa ammonire Diaz e Umana: è trattato come Messi, con anche 5 giocatori nella sua zona a contenerlo. Dopo un’ora tra i costaricani esce il centravanti Campbell, in ribasso. Applicano spesso il fuorigioco, sempre ravvisato dall’uzbeko Irmatov (primatista di arbitraggi ai mondiali, con 9 partite). Lens entra per Depay e viene fermato sull’unico offside discutibile, Navas comunque aveva intercettato anche quello e pure il destro ravvicinato di Van Persie.

Il centravanti all’89’ sbaglia una deviazione ravvicinata. Era impossibile, invece, catturare la punizione di Sneijder, Costa Rica è salvata dal palo. Allo scadere dei tempi regolamentari ci stava la seconda ammonizione per Junior Diaz, poi sul cross mancino di Blind la palla incredibilmente è salvata da Tejeda, contro la traversa. L’assedio procede nell’overtime, il portiere devia l’inzuccata di Vlaar, che poi tocca in area Urena, ma il contatto è troppo leggero per fischiare il rigore. Neanche sull’uscita a vuoto di Navas il pallone entra. Per il secondo supplementare entra Huntelaar per Indi, con passaggio al 4-2-4, a 30 anni Robben resta il più fresco ma non evita i rigori. Anzi, los Ticos creano 4 azioni, in particolare con Bolanos, Urena ha l’occasione per scrivere la storia, Cillisens la prende. Poi la traversa ferma ancora Sneijder. Dal dischetto segnano Borges e Van Persie; Robben; Gonzalez e Sneijder; Bolanos e Kuyt. Krul ne para 2, il quinto olandese neanche serve. L’Olanda passa, perse ai rigori le semifinali del ’98 con il Brasile e nel 2000 gli Europei in casa.

OLANDA-COSTA RICA 4-3 rig (0-0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.