Sci. Gross ancora sul podio, secondo in slalom: “Siamo tornati uno sport allegro”. Il ct Plancker valuta gli azzurri.

b4c62049709abeff96ea059af5a6ca1f_169_l
Stefano Gross

“Continuiamo così che va più che bene – dice un soddisfatto Stefano Gross dopo il secondo posto nello slalom di Wengen -, non ci faccio certo l’abitudine. Sarà importante proseguire su questa strada e adesso mi aspettano due slalom importanti a Kitzbuehel e a Schladming e poi i Mondiali di Vail. Voglio fare bene”.

“Lo sci è tornato ad essere uno sport allegro per me – prosegue il fassano -, sto molto meglio con la schiena, non ho problemi e riesco a trasmettere le migliori sensazioni alla mia sciata che è diventata più fluida ed efficace”.

“La vittoria a Schladming è uno dei sogni della mia vita, ma prima di tutto voglio concentrarmi su Kitzbuehel, un altro appuntamento di cartello”.

“Ora si che faccio quello che voglio con gli sci, mi diverto, faccio il lavoro che mi piace e vivo un periodo di grande serenità. Tutto si riflette poi nella sciata e porta risultati”.

Raimund Plancker è contento. “Sabo sta sciando bene, molto sciolto e va forte. Va benissimo così. Razzoli oggi è stato un po’ sfortunato, ma questo è uno sport che vive di piccolissimi particolari. Basta niente e sei fuori. Thaler è stato un po’ cauto, probabilmente dopo tre uscite voleva arrivare per fare un po’ di punti. Moelgg l’ho visto un po’ affaticato, sta accusando un po’ di stanchezza. Ora farà due/tre giorni di riposo e poi un po’ di allenamento per Kitzbuehel. Deville ha fatto una prova d’orgoglio nella prima manche e poteva osare qualcosa in più nella seconda. Quanto meno, dalla prossima gara, partirà con il 46 e non con il 66”.

Biagio Bianculli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.