Serie B. Il Lecce è secondo con La Mantia, la doppietta di Torregrossa fa cadere il Livorno

(bresciacalcio.it)

Matricola terribile, si diceva una volta. Il bel gioco di Fabio Liverani ha successo, come nella salvezza della Ternana, strepitosa, quando però non venne riconfermato.

Il suo Lecce vince a Carpi con il gol di La Mantia al 36’ e si porta a -1 dal Palermo capolista. E’ la quarta vittoria nelle ultime cinque partite, la terza di fila per i salentini. La squadra di Castori si ferma a tre risultati utili in sequenza, è terzultima, con molti giovani.

Andrea La Mantia è alla quinta rete stagionale, è fra i bomber più incisivi della serie B e di fatto vendica la sfida che portò il Carpi per la prima volta in cadetteria, con Fabio Brini, nel 2013, e costrinse i giallorossi a restare in C, dopo la doppia retrocessione. Adesso hanno il miglior attacco del campionato, creano sempre tanto ma rischiano di meno, concedendo di fatto solo un colpo di testa a Concas, a 5’ dalla fine, a sfiorare il palo.

Il 4-3-1-2 di Liverani è convincente, con Lucioni regista difensivo, Meccariello e Petriccione già protagonisti in quella Ternana e Scavone alla ricerca della terza promozione di fila, dopo le 2 con il Parma.

A Brescia una doppietta di Torregrossa affonda il Livorno, ultimo con 4 sconfitte in 5 turni. E’ uno dei giocatori più decisivi del campionato. Gli amaranto erano piaciuti, con il Cittadella, al Rigamonti tornano decisamente indietro, con pochissimo gioco e l’ennesimo gol subito da palla inattiva. Da Cristiano Lucarelli a Breda il trend non è migliorato, con appena 6 punti e 8 gol segnati, a -5 dai playout.

Il 3-4-1-2 non ricama, il centrocampo fatica a produrre gioco e Diamanti non è in giornata. Torregrossa mette subito in difficoltà Dainelli, classe ’79, il più anziano giocatore di movimento del calcio italiano di vertice. Donnarumma invita alla conclusione Bisoli, traversa di prima intenzione. L’ex Diamanti serve il 38enne Valiani che lancia Raicevic, conclusione sul fondo. Alfonso è costretto al doppio, difficile intervento su Murilo e Diamanti, saranno gli unici. Al 35’ la punizione di Tonali per Torregrossa, stacco aereo perfetto e 1-0. Ndoj avvicina il raddoppio, centrato da Torregrossa al 12’ del secondo tempo, su azione insistita di Ndoj.

Al 33′ il Brescia rimane in 10 per la seconda ammonizione del brasiliano Curcio, nel finale Maiorino non trova la porta. Con Corini, le rondinelle sono in zona playoff.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.