Volley, l’impresa di Stefano Lavarini, piemontese in semifinale con la Corea del Sud, poi è uscito con gli Usa

(volleynews.it)

Nel volley femminile, l’impresa è di Stefano Lavarini, piemontese del lago d’Orta: porta la Corea del Sud in semifinale, per le asiatiche è la quarta volta, più altre 4 ai mondiali. Era favorita la Turchia del modenese Giovanni Guidetti, probabilmente il miglior allenatore al mondo, tra le donne, ma alle olimpiadi mai sul podio: allenava Chieri, nel Torinese, quando Lavarini si affacciava come tecnico giovanile. Le coreane perdono il primo set, ne vincono due (il terzo a 28) e poi si aggiudicano il tiebreak sulle turche, di due punti. 
Lavarini è della provincia di Verbano-Cusio-Ossola, di valle Strona, testardo come quella gente di montagna. Iniziò come assistente nell’Omegna, come alzatrice c’era Eleonora Lo Bianco, la primatista di presenze in azzurro. Fu il primo tecnico italiano ad allenare in Brasile, fra il 2017 e il ’19 si aggiudicò 4 trofei, con il Minas. Ad aprile, con Novara, impegnò a fondo Conegliano, nelle finali scudetto.
L’allenatore con la barba e dal carattere spigoloso dormiva in giro per le palestre italiane, per essere il primo agli allenamenti: “Ho costruito la mia carriera da zero – racconta -, con tanti sacrifici, non sempre si ottiene per quanto si dà. Già con il Giappone e la Domenicana servivano certi incastri tattici, per passare, con la Turchia ci sembrava nettamente più difficile”. 
Domani affronterà gli Usa. “La nostra semifinale è incredibile, restiamo in questo flow emotivo, continuando ad andare oltre i nostri limiti”.
E’ uscito il quarto tecnico italiano che aveva raggiunto i quarti, Sergio Busato, trevigiano di Resana, ct della Russia, battuta 3-1 dal Brasile. Era vice dal 2011, dal 2019 è stato promosso capo allenatore. 
Da una ventina d’anni, l’Italia ha la migliore scuola di allenatori al mondo, fra uomini e donne, sul piano numerico e qualitativo, in tanti hanno il doppio incarico.
Vanni Zagnoli

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.