Zizzagando. 15 titoli di sport

(v.zagn) 1) L’ex presidente del Palermo Maurizio Zamparini perde il figlio minore, Armando, 23 anni, trovato morto a Londra, arresto cardiaco misterioso. L’aveva avuto dalla seconda moglie, Laura Giordani, era in Inghilterra per studiare, giochicchiava con i giocatori del Palermo, anni fa, a fine allenamento.

2) Siena, il fallimento, la condanna di Massimo Mezzaroma a 3 anni, l’Iva omessa per il 2012, confiscati 4 milioni e 352mila euro e per bancarotta fraudolenta, di un milione e 246mila euro, per il 2011-12, e poi una serie di interdizioni, ma per altre accuse è stato assolto.

3) Le esasperazioni di inizio stagione. I tifosi del Bologna: “Vergognatevi tutti, escluso Joey”, Saputo. Gli esoneri, gli allenatori in discussione, una serie negativa a due terzi o a fine stagione, a salvezza conquistata, raramente provoca così tante arrabbiature. Saltano anche dirigenti, il presidente Joey Saputo non rinnova il contratto di consulenza al ds Walter Sabatini per il cattivo inizio del Bologna, seguiva anche il Montreal, la controllata da Saputo.

4) Il gesto di fairplay del Campobasso, fa segnare un gol all’Andria, dopo avere segnato con i pugliesi fermi: avevano messo il pallone fuori per far intervenire i sanitari. Il precedente di Ascoli-Reggina del 2009, quando Pillon con i marchigiani in serie B fece pareggiare i calabresi, apposta, e alla fine venne contestato dai tifosi dell’Ascoli.

5) Il debutto della fc Clivense in terza categoria, 2-0, nell’impianto Avanzi di Borgo Roma, contro il Vr Arena. E Pellissier si è tesserato, a 42 anni presto dovrebbe giocare.

6) De Zerbi contro l’Inter, i suoi capolavori contro le grandi, nei 3 anni di Sassuolo. La dialettica, l’applicazione, il rapporto con i procuratori, quando diede l’addio a Reggio Emilia.

7) La continuità dell’Atalanta, in Champions, 4 punti in 2 partite, può passare il turno.

8) Se Barcellona e Real cadono insieme. 3-0 dal Benfica, altra goleada subita dal Barça, la caduta in casa del Real contro i moldavi. I due club di riferimento sono in crisi, la Spagna ha 5 squadre in Champions ma non brilla più.

9) Atletica, la conferma del dt Antonio La Torre sino a fine 2024, il vice direttore tecnico è Roberto Pericoli, già allenatore di Fabrizio Donato. Stefano Mei mise in discussione La Torre, prima dell’olimpiade, i risultati e Malagò l’hanno convinto a non cambiare. E i 4 ori azzurri sono candidati ad atleti dell’anno, Jacobs e Tamberi, i marciatori Stano e Palmisano. E Alessandro Sibillo sui 400 ostacoli è fra gli emergenti per la European athletics.

10) Basket: “Soffro come un cane dal primo giorno per il bene di questa squadra – spiega Repesa, l’allenatore della Fortitudo Bologna che era stato espulso per doppio fallo tecnico -. Dopo l’espulsione ho sofferto di un attacco di tachicardia quindi mi fermo qua. La Fortitudo rimane il mio primo amore ma così non posso andare avanti. Sapete che quando prendo una decisione poi non torno indietro”. Quindi ha accusato un leggero malore negli spogliatoi dopo l’uscita dal campo. Il precedente di Prandelli, dimesso dalla Fiorentina

11) Volley, il sorteggio del mondiale maschile in Russia, nel 2022, Italia in un girone non difficile, con Canada, Turchia e Cina.

12) Volley, la presentazione della supercoppa femminile, a Modena, sarà domani alle 17,30. Manca Sylla, in Spagna a recuperare da un infortunio. Favorita è sempre Conegliano, 64 vittorie di fila, coppe comprese. Santarelli è l’allenatore, anche della Croazia: “Agli Europei, l’Italia si è ripresa proprio contro di noi”. “Di Conegliano mi piace tutto”, dice Asia Wolosz, da 5 stagioni palleggiatrice.
Ancora Santarelli: “Vallefoglia da matricola ha costruito un ottimo roster, Perugia è migliorata, Firenze è sempre lì. Non dimentichiamo Busto, oltre alle grandi”.
Chirichella, di Novara: “E’ una supercoppa, altra storia, rispetto al campionato. Non vediamo l’ora dei palazzetti pieni”.
Egonu: “Contro la Serbia non eravamo calme, nelle sfide dirette, nella finale lo siamo state”.
Ci sono anche tre americane campionesse olimpiche, in serie A. E poi l’arrivo in A1 di Roma, con il presidente Pietro Mele.

13) Boxe, l’impresa di Usyk su Joshua, davanti a 62mila spettatori, l’ucraino da professionista continua a essere imbattuto.

14) Boxe, l’allenatore Bergamasco lascia l’India, dopo lo storico bronzo al femminile.

15) Pallanuoto, domani il via all’A1, è sempre la sfida tra Brescia, neo campione, e la Pro Recco. Sono rappresentate 6 regioni: Lazio (Roma e Anzio), Liguria (anche con Genova Quinto e Savona), Campania (Posillipo e Salerno), Lombardia (anche Milano), Sicilia (Palermo, Catania neopromossa e Siracusa) e Friuli Venezia Giulia, con Trieste.

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.