Zizzagando. 15 titoli di sport

Con Luca Ariatti

(v.zagn) 1) Quando Udinese-Napoli era Zico contro Maradona, magari con Hugo Maradona.

2) Parma-Lazio sempre con Ghirardi. Quando era Parmalat-Cirio.

3) Juve-Sassuolo senza Berardi. Che l’ha saltata tante volte. Sul più bello ha sempre problemi muscolari, è migliorato sul piano caratteriale ma gli manca sempre qualcosa.

4) Serie B, rieletto presidente l’avvocato Mauro Balata. I consiglieri sono 6: Carlo Neri, presidente dell’Ascoli, Saverio Sticchi Damiani, presidente del Lecce, Adriano Galliani, ad del Monza, Mauro Lovisa, presidente del Pordenone, Carmelo Salerno, presidente della Reggiana, e Walter Mattioli, presidente della Spal. Fra questi è stato poi eletto vicepresidente Adriano Galliani. I due consiglieri indipendenti sono avvocati: Andrea Messuti, e il confermato Mauro Pizzigati. Esce dunque l’ex atleta Carlo Grippo.

5) Quagliarella come Di Natale, ha detto di no alla Juve. Era l’estate del 2010, lo voleva Marotta, a 32 anni, contro i 38 del capitano della Sampdoria. Avrebbe probabilmente cambiato il destino di Del Neri alla Juve, restò a Udine per amore dei tifosi.

6) Mastour a Carpi, in serie C, dalla Reggina, a 22 anni si sta perdendo, Galliani l’aveva portato ragazzino al Milan, dalla Reggiana, palleggiava anche con le arance.

7) Ritorna in Italia Maicon, al Sona, in provincia di Verona, nella matricola serie D. Doveva già essere sbarcato, dal Brasile, a 39 anni, ma c’è stato un problema di ritardo dell’aereo. Non ha mai smesso di giocare, arriva grazie a un amico procuratore, gli piace l’idea di allenarsi sul lago.

8) Il ritorno di Fabio Pecchia in serie B, subentra a Bisoli alla Cremonese. Il legame con Gigi Simoni, poi con Benitez – di cui fu vice anche al Real Madrid – la promozione in serie A e la retrocessione a Verona. Il ds Fusco l’aveva difeso in maniera eccessiva.

9) Affascinante la scelta della Panini di affidare a Papu Gomez il ruolo di testimonial dell’album di figurine, c’è anche il figlio, nello spot televisivo. Chissà se voluta o precedente il problema con l’Atalanta.

10) Uruguay, al Penarol il primo cda solo femminile, con 10 donne. Dalla novantenne Concepción Picarelli, storica partner del Penarol, ad Alessandra Mazurkiewicz, responsabile della sezione femminile e figlia di Ladislao. Gesto simbolico del nuovo presidente, Ignacio Ruglio.

11) Basket e Usa, fra i manifestanti in Campidoglio c’era anche David Wood, il boscaiolo del quasi scudetto di Livorno. L’americano bianco arrivò a Livorno nell’88-89, dopo lo scatto d’ira di Joe Binion, che dette una manata al vetro di uno spogliatoio di Reggio Emilia procurandosi gravi tagli a un braccio. Serviva un americano per finire la stagione accanto a Wendell Alexis. Serviva un americano e la Libertas Enichem prese David Wood, boscaiolo – dal cognome – umile, un guerriero che leggeva sempre la Bibbia prima di andare sul parquet. Era utile, come rimbalzista, sesto, settimo uomo e sfiorò lo storico scudetto, per il canestro di Forti giunto a tempo appena scaduto.

12) Atletica, i 60 anni di Calvin Smith, il grande avversario di Carl Lewis, lo storico velocista.

13) Atletica, la nuova sospensione di Luvo Manyonga, non ha rispettato il whereabouts. Venne squalificato un anno e mezzo per mentanfetamine. I casi del genere, di irrintracciabili.

14) Spezia, Maurizio Felugo da presidente della Pro Recco di pallanuoto a consigliere con delega tecnico-sportiva, pianificherà la compravendita dei calciatori, a occhio il budget più che la scelta. Esempio di ex azzurro che fa strada da dirigente in due discipline.

15) Ippica, la morte a 37 anni di Waikiki beach, il padre di Varenne, ad Anzola, nel Bolognese. Ha avuto 1209 figli, è l’occasione per ricordare anche le imprese di Varenne.

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.