(Ziz)zagando. La leggenda del Cittadella. Bologna, il bilancio di Saputo. I 70 anni di De Laurentiis. Volley, Velasco dt delle nazionali. Pallanuoto, lo scudetto resta alla Pro Recco

Con Andrea Paventi

(v.zagn) 1) La leggenda del Cittadella, una manciata di abitanti, la siderurgica Gabrielli, il ds, pochi stranieri, lo stadio che difficilmente sarebbe da serie A, dunque migrazione come il Sassuolo, il Carpi, il Pordenone.

2) Bologna, il bilancio di Saputo: “In 10-12 giorni Mihajlovic ci dirà se vuole restare. Investiamo anche sulla squadra, non solo su stadio e centro sportivo. Ben che vada arriviamo tra le prime 6-7, mal che vada 13esimi”. “Le filosofie nostre collimano”, spiega Saputo. Mihajlovic in realtà non si accontentava di una squadra da 10° posto.
Poi c’è la voglia di riscattare Orsolini: “Ma il controriscatto è della Juve”, sottolinea l’ad Fenucci.
I due campionati in un anno del Bologna: “Con Mihajlovic 30 punti in 17 partite”.
“La super Champions aumenterebbe il gap con i top club – aggiunge Saputo -, non posso essere favorevole”.
Bigon dovrebbe essere affiancato da Sabatini. Saputo: “Conosco Walter da quando era alla Roma, l’ho incontrato ultimamente e ha smesso di fumare, è incredibile. E’ sempre un’opportunità parlargli, si impara”.

3) Il Monza lontano dalla serie B, nonostante Galliani, Berlusconi e Brocchi. Che resta nonostante in campionato abbia fatto male.

4) La disinvoltura del presidente Balata nell’interpretare le regole: la serie B a 19 squadre, a penalizzare Entella e molte altre.

5) Le squadre viaggianti. L’Atalanta sino al 2021 verrà in Europa a Reggio, il Pordenone a Udine o a Treviso, il Brescia potrebbe scendere a Parma o a Modena. Lo stadio di Lecce con Rozzi venne realizzato tipo in 3 mesi, perchè per restaurare il Brumana occorrono anni? Perchè non si costruiscono stadi nuovi, di fronte alla fatiscenza?

4) I 70 anni di De Laurentiis, immagino qualcuno li abbia già raccontati. Le provocazioni da cineasta, la barba, la fuga in motorino dalla Lega, giusto per teatralizzare il Napoli, per farne parlare. Attore, quasi comico, ultras a caldo. Vincerà mai lo scudetto?

6) Le 23 azzurre per il mondiale, tutte di grandi squadre, esclusa Tarenzi del Chievo.

7) Agnelli e De Laurentiis avevano i migliori e si sono offesi, hanno inasprito i rapporti con i più grandi allenatori italiani Conte e Sarri, altro che Allegri e Ancelotti. Per quanto Ancelotti sia stato e sia ancora grande. Però il Napoli è peggiorato. E la Juve poteva tranquillamente accontentare le richieste di mercato di Conte.

8) Controllata meglio, la notizia sulla chiusura di Rmc Sport fm, che potrebbe proseguire altrove, come redazione, ecco io sapevo che fosse tutto Pasquinucci, il re del web, grande editore degli ultimi anni, invece la delusione semmai è Alberto Hazan, monegasco, io sapevo libanese, giurerei, anche. Negli ultimi anni peraltro aveva smantellato la redazione di Radio News, ovvero Rmc, 105 e Classics – da fuori sono stato per 11 anni -, tenendo appena 6 dipendenti, con il passaggio a Mediaset. Resta un bel progetto, in espansione, Pasquinucci era il riferimento della redazione e fa un mensile, una galassia web mi dissero anni fa unica in Europa, con persino testate in spagna.

8) Velasco sarà dt delle nazionali, grande mossa del presidente Cattaneo.

9) Volley, le prime parole di Paola Egonu a Conegliano: “Il calendario è troppo fitto, un anno sotto stress è pericoloso per il fisico e per la mente, serve staccare prima di pensare all’obiettivo successivo”.

10) Atletica, il record europeo di Tortu, svanito per un refolo di vento e simili, nella storia. Ancora, sul suo potenziale, nell’anno mondiale.

11) Pallanuoto, lo scudetto resta alla Pro Recco, un palo di figlioli evita i probabili rigori, a 10″ dalla fine.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.