(Ziz)zagando. I dubbi su Mancini, non così vincente. La galleria delle strane acconciature nella storia azzurra. La morte di Galdiolo per demenza fronto temporale. La vitalità dello sport italiano giovanile. Gli sport che cambiano ambientazione

 

( v.zagn) 1) Chiesa e Bernardeschi migliorano, non Balotelli e Insigne. Insigne stranamente non va. Gagliardini non va, anche Pellegrini è in involuzione.
Tornano i dubbi su Mancini, non così spettacolare, neanche così vincente.

2) La differenza tra Pioli, Spalletti e Gasperini. Fra chi insegna a giocare bene, a calcio, come Gasperini, valorizzando anche Spinazzola e tanti altri e chi invece è sparagnino.

3) La galleria di strane acconciature nella storia azzurra. Le creste di Balotelli, i codini di Baggio. Gli azzurri dai capelli più particolari, nella storia. Le basette lunghe degli anni ’70, anche di Zoff e Causio, i riccioli di Collovati.

4) La morte di Galdiolo, ex Fiorentina, padovano, per demenza fronto temporale. Da 8 anni, il figlio disse: peggio della sla.

5) La vitalità dello sport italiano giovanile. L’under 19 del volley femminile campione, l’under 16 di basket donne, l’under 19 di calcio argento europeo. Un anno fa l’Under 21 comunque semifinalista europea. I giovani del volley, con 3 figli d’arte, argento europeo, l’anno scorso, direi.

6) Il cattivo esempio di Marquez per Fenati, le provocazioni. Ecco, le provocazioni sono da valutare sempre e bene. Ricordo lo sputo di Poulsen a Totti, le scorrettezze di Gentile per bloccare Zico e Maradona. Le intimidazioni anche solo con lo sguardo, ma quelle ovviamente fanno parte dello sport.

7) Manca solo lo scudetto del softball. La mappa degli scudetti stagionali, con quello del baseball.

8) Ogni volta che uno sport cambia ambientazione: il volley al Foro Italico, è la seconda volta. Nello stadio da 70mila in Polonia. Il rugby a San Siro.
I palazzetti spesso pieni, per basket e volley, ma tengono molto meno rispetto al calcio, non vale dire che il calcio tira di meno o non tira più. Sarebbe bello vedere, chessò, il calcio in un circuito automobilistico o anche il tennis su campo da calcio. Anche proprio allontanarsi completamente dalle dimensioni abituali.

9) Bello il mondiale di volley con fase finale, semifinali e finali a Torino. L’Olimpiade sarebbe bella se fosse di uno o più stati, non di una città. C’è un pizzico di differenza fra l’Europeo a 12 paesi, condiviso, e l’Olimpiade solo in una città, con tante capitali che poi devono rinunciare.

10) Perchè lo sport deve premiare sempre i soliti noti, ovvero i soliti ruoli. L’attaccante, il centravanti o il trequartista e le ali, ovvero opposto e schiacciatori del volley, ovvero centroboa o esterni della pallanuoto. I rari palloni d’oro ai difensori, nessuno a un mediano, rari anche i registi.

 

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.