Capitan Lucarelli: ”Giocheremo con dedizione e impegno sino alla fine. Per i nostri tifosi e per la nostra professionalità”.

10982463_10204414697585830_2784236995398576878_n
Alessandro Lucarelli

Parma – Capitan Alessandro Lucarelli, dopo aver spiegato a precisa domanda che “al rientro negli spogliatoi c’era un po’ di nervosismo, ma nulla di importante. Cose che succedono. E’ stato un episodio con un avversario”, ha radiografato con queste parole la sconfitta del Parma Fc nel recupero di stasera subita con l’Ac Chievo Verona:“C’è tanta rabbia perché purtroppo l’arbitro con quella decisione ci ha condizionato la partita. Due falli non cattivi in venti minuti e dai subito doppio giallo mi sembra un po’ esagerato. Questo rispecchia la nostra annata. Quando sei debole diventa facile fischiare contro. E’ giusto così, che i più deboli vengano calpestati. In Italia funziona così”.

Ciò non toglie che il Parma ha giocato e che i tifosi vi hanno anche applaudito…

“Noi ci mettiamo impegno e questo è apprezzato. Questa è una squadra che nonostante le mille difficoltà non molla mai. Stiam facendo di tutto. Ci han chiesto la maglia sudata, non ci tiriamo indietro. Purtroppo queste prestazioni a livello di risultato non ci aiutano. C’è solo da voltare pagina e guardare avanti”.

Credi sia definitivamente sfumata anche l’ultima speranza di salvezza?

“Obiettivamente ci rimane solo la matematica. I margini di recupero sono pochi. L’importante è giocare così fino alla fine. Con impegno e dedizione. Lo dobbiamo fare per noi, per la nostra professionalità, per i nostri tifosi”.

Domenica andate a giocare a Roma, ma lunedì a livello societario, con la scadenza che vi siete dati voi, è il giorno della verità. Che impressione vi ha fatto il nuovo presidente ?

“Il presidente ci ha detto che l’intenzione è quella di mettere i soldi necessari. Oltre a questo, credo che la cosa più importante sia sistemare la società. Noi vogliamo avere una società seria alle spalle. Cosa che finora, purtroppo, non c’è stata. Purtroppo questo presidente arriva con un po’ di diffidenza generale da parte dei tifosi, ma non è per colpa sua che siamo in questa situazione. Il suo passato non ci interessa, mi auguro faccia le cose fatte bene per il Parma”.

Quanto sei deluso della situazione che si è creata ?

“C’è tanta amarezza. E’ sette anni che son qui e vedi buttar via sei anni. Errori ne sono stati fatti tanti. Noi ci prendiamo le nostre responsabilità, perché nonostante tutti i problemi in campo poi ci andiamo noi. Dispiace davvero tanto. Non so cosa dire dal tanto sono amareggiato. La cosa più importante è che questa società, questa piazza, questa gente riprenda credibilità, perché ultimamente ci stanno prendendo in giro tutti a livello mediatico”.

I cori dei tifosi contro Ghirardi e Leonardi?

“Se siamo arrivati a questo punto, ci sono delle responsabilità. Una cosa, però, posso dirla. Leonardi è qua e cerca di risolvere i problemi. Noi lo constatiamo e vediamo tutti i giorni. Credo anche che abbia contribuito molto a portare questa nuova proprietà. Può anche aver commesso errori, ma sicuramente sta cercando di rimediarli. Qualcun altro, invece, è sparito già da un po’ e non si è fatto più vedere”.

Sui tuoi compagni che han deciso di rescindere?

“Sono entrato nello spogliatoio prima della partita con il Cesena e ho detto che chi non se la sentiva era libero di andar via. Qualcuno per andarsene ha anche rinunciato a dei soldi. E’ una decisione che va rispettata. Apprezziamo chi è rimasto, che aveva la possibilità di andare ma ha scelto di rimanere con cuore e testa. Fino alla fine con questi compagni cercheremo di onorare il campionato per rispetto dei nostri tifosi e per noi stessi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *