I “grazie per l’articolo” mai pubblici

La presunzione fa parte di noi giornalisti, anche di me. Quando faccio i complimenti a colleghi per pezzi di gastronomia, mi sento rispondere: “Grazie, invece quel ristoratore neanche si è fatto vivo”. “Ok, ma con me ne ha parlato solo bene, a lungo”. “Ma perchè non un grazie?”.

Intendono la telefonata, il messaggio, non è così consueto.

Sempre più persone chiedono di leggere prima della pubblicazione, a volte sono stato imprecisi loro, quasi mai ringraziano pubblicamente, su facebook o twitter per l’attenzione. Magari è chiedere troppo.

Molto è basato su “non te l’ho chiesto, è stata una tua scelta”.

Il confine fra storia e pubblicità è minimo, in tanti cerchiamo di far passare per notizia una storia curiosa ma involontariamente pubblicitaria.

Naturalmente, sul mio blog faccio quel che voglio.

Peraltro, io sono come Prandelli, sono troppo buono e allora do retta a tutti.

 

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.