I personaggi in provincia, rassegna di interviste pubbliche a Reggio, Parma e Modena

Da mesi sto lavorando per un progetto che mutuo da eccellenti colleghi modenesi, in particolare.

Penso alla rassegna “Ne vale la pena”, di Pierluigi Senatore, carpigiano caporedattore di radio Bruno, e al “Modenasportintour” di Stefano Ferrari, vignolese di Tvqui.

Grazie ad amici, amiche, colleghi e personaggi – naturalmente a mia moglie, dietro le quinte -, ho intenzione di intervistare pubblicamente personaggi sportivi, giornalisti e magari ristoratori e chef, le mie passioni.

“I personaggi in provincia”, conto di chiamarla così. “Dedicato a…”

Non ho esperienza in materia, se non le interviste al telefono che realizzo da anni, per lo sport, su testate nazionali o provinciali, e vanto solo due precedenti: la presentazione del libro di Gianfelice Facchetti grazie al collega Carlo Codazzi, dell’Inter club Reggio, e la festa della Correggese guidata con Alice Pignagnoli, due sabati fa.

Dunque, Senatore è il numero uno almeno in regione per i dibattiti di temi di primo piano, casi di stato, mafia, Stefano Ferrari con Paolo Maini sviluppa da anni nel Modenese serate a tema.

Servono sponsor, prima di tutto però c’è una bella condivisione. La base di partenza è Luca Marani, pr del Fit Village – una delle location preferite – e poi Lorenzo Chierici, collega responsabile dell’ufficio stampa del Csi di Reggio.

Ho l’ok di Beppe Alessi, capitano della Reggiana, avevo l’ok di un parmigiano allenatore di serie A, ho un interesse da un parte di un protagonista della Grissin Bon, del leggendario Bruno Reverberi, bibbianese scopritore di talenti nel ciclismo.

A Parma mi sono mosso con i Veterani dello sport, con il grande Corrado Marvasi, con Ivo Dallabona del Petitot, con l’amico Fabrizio Pallini de I Nostri Borghi, suggerito proprio da Dallabona.

A Modena tento di coinvolgere il grande Antoine di Trc Modena, gli amici del Modena calcio, Csi, Uisp, l’assessorato allo sport, il volley Modena.

Ci proverò anche con il Carpi, con il Sassuolo.

Ho la disponibilità di Francesca Goni, bancaria e personaggio televisivo a Parma.

E poi ci sono tanti colleghi già adusi a presentazioni di libri, il blogger Gabriele Majo di Stadiotardini, i colleghi di TvParma che vedo condurre dibattiti più istituzionali. Colleghi da prendere a modello.

L’impressione è che il genere abbia successo nel Modenese, a Parma, a Reggio si fatica di più perchè è più piccola.

Una location reggiana sarà la palestra di Rivalta, che ospitava la serie A2 femminile di volley, e uno dei colleghi che si alterneranno è Fabio Poncemi.

Cercherò di coinvolgere Panathlon, Lions, Rotary, i circoli tennis.

Senatore parte in genere da un libro, Ferrari mette insieme 5-6 personaggi, io preferisco magari un solo personaggio per sera, con doppia conduzione e magari molto spazio agli spettatori.

Naturalmente cerco media partner nelle 3 città e al di là di chi aderirà mi farà piacere coinvolgere tutti i colleghi.

Naturalmente il primo grazie va proprio a Luca Marani, grazie al quale ho intervistato Massimiliano Esposito al Fit village, nel ventennale del suo gol salvezza della Reggiana, a San Siro.

Ma poi avrò piacere di invitare anche i grandi colleghi e amici delle varie città. Penso a Claudio Lavaggi e a Ivan Paterlini, a Francesco Pioppi e a Tommaso Casotti, a Gian Marco Regnani e a Roberto Guazzetti, a Fabrizio Bigi e Mattia Mariani. Naturalmente, se vorranno, anche ai volti più conosciuti, come Franco Tosi.

A Parma, penso a Michele Angella e a Paolo Grossi, a Gianluca Zurlini, Giuseppe Milano, Sandro Piovani e Guido Schittone.

Un tavolo che ho in mente sono i colleghi che raccontano la loro passione per il Parma e la vita e carriera professionale.

Idem agli amici di Reggio sulla Reggiana.

Modena. Beh, il mio modello è Il barba e capelli di Paolo Reggianini, cult di Trc. Naturalmente l’Osteria di Leonildo Turrini sarebbe il massimo, ma non sono capace…

Ah, dipendesse da me, porterei a Reggio i parmigiani, a Parma i reggiani, a Modena i parmigiani, ma è meglio non provocare, non alienare le simpatie… I derby vanno rispettati, anche se sono per l’Emilia…

 

silvia e vanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.