Calcio e socialità. Milano vuole ospitare i mondiali antirazzisti, il racconto del presidente Uisp Carlo Balestri

fossella_migrazioni-300x169
La battaglia contro il razzismo

I mondiali antirazzisti sono sempre stati organizzati in Emilia Romagna ma quest’anno potrebbero essere spostati a Milano. L’organizzatore dell’evento Carlo Balestri vorrà sfruttare l’Expo 2015 per promuovere i 18 anni di campagna contro la discriminazione.

La candidatura è stata resa nota dall’assessore Chiara Bisconti, prima che venisse ufficializzata la finale di Champions League a San Siro nel 2016.

“Il comune di Milano ci ha chiamato per proporci, nell’anno dell’Expo ma fuori da questo evento, di organizzare lì i Mondiali Antirazzisti. Sarebbe un evento organizzato fuori dal contesto dell’Expo che però, nell’ottica del Comune, potrebbe rendere ancora più visibile un simile appuntamento. Ma non sarebbe né sotto l’egida e neppure con il brand Expo”.

“Tanto interesse per i Mondiali Antirazzisti – continua Balestri – ci lusinga e ci riempie d’orgoglio ma la sede resta a Bosco Albergati a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena. Dopo questa richiesta da Milano, ci sono contatti in corso, valutiamo ogni possibilità, come accaduto anche in altre occasioni. Semplicemente, però, in passato tali relazioni non sono state oggetto di comunicati stampa e di particolare attenzione mediatica. Un eventuale spostamento sarebbe discusso collettivamente con i protagonisti di questa manifestazione, ovvero le squadre di associazioni e ultras che da sempre partecipano alla festa”.

Per gli aggiornamenti, www.mondialiantirazzisti.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *