La Gazzetta di Reggio del 18 giugno 2013, la morte di Savio Riccò. A dicembre è scomparsa anche la moglie Janette

(v.zagn.) A dicembre è scomparsa la madre di mio cognato, Gabriele Riccò. E’ Janna Lugli, era rimasta vedova un anno e mezzo fa, di Savio. Lascia anche i nipoti Eleonora e Giovanni, anche di mia moglie Silvia.

Questo è il ricordo di Savio Riccò uscito nel giugno del 2013, quando scomparve. E’ tratto dalla Gazzetta di Reggio.

 

http://ricerca.gelocal.it/gazzettadireggio/archivio/gazzettadireggio/2013/06/18/NZ_15_01.html

E’ morto all’età di 83 anno Savio Riccò, esponente di spicco della Coldiretti di Reggio e della Democrazia Cristiana. Riccò, infatti, era un dirigente della Coldiretti, che fu una delle più efficienti cinghie di trasmissione della Dc, e, come diversi altri capi della “bonomiana”, grazie all’appoggio del mondo rurale divenne un dirigente di prestigio di quel partito, emergendo a livello provinciale negli anni Sessanta.

Dal 1954 al 1982 aveva diretto l’Epaca, il patronato della Coldiretti, “ente di patrocinio e assistenza per i cittadini e l’agricoltura”. Per gran parte della sua vita spese le migliori energie al servizio del mondo contadino, dando un contributo significativo al suo sviluppo e ammodernamento attraverso l’associazionismo. Ciò gli valse la nomina a Cavaliere della Repubblica.

Originario di Rio Saliceto, l’anziano dirigente della Coldiretti era nipote di Alistico Riccò, l’arciprete del Duomo che fu maestro di Romano Prodi. Il suo impegno nella Dc lo portò a collaborare con Franco Bonferroni.

Della sua adesione alla dottrina sociale della Chiesa cattolica dava testimonianza anche attraverso il volontariato. Era, infatti, uno dei pochi uomini che prestavano servizio accanto alle molte donne volontarie presso la Mensa del Vescovo.

Savio Riccò, malato da tempo, era ricoverato da un mese all’Hospice Madonna dell’Uliveto, dove si è spento «Vorrei ringraziare il dottor Ildebrando Iemmi e tutto il personale dell’Hospice, davvero premurosi nella loro assistenza» diceva ieri il figlio Gabriele.

Savio Riccò lascia la moglie Ianna Lugli e i figli Gabriele e Gabriella. La cerimonia funebre verrà celebrata oggi alle 15 nella chiesa del Buon Pastore, in città. La salma verrà quindi condotta al cimitero di Fogliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *