La Statistica di Matteo Pia: Eto’o sarà una sfida difficile per Mihajlovic

b4418f904c63d5c77e2a48b72983d188_33385_immagine_obig
Samuel Eto’o

La Sampdoria vuole un girone di ritorno all’altezza dell’andata e proprio per questo il presidente Massimo Ferrero ha deciso di puntare a grandi nomi per l’attacco all’indomani della dolorosa cessione di Manolo Gabbiadini. Il big per antonomasia è Samuel Eto’o, eroe del “triplete” interista che a marzo compirà 34 anni ed è reduce da un’esperienza con alti e bassi in Premier League. L’anno scorso al Chelsea, in questo inizio di stagione all’Everton.

Abbiamo analizzato il rendimento recente del camerunese seguendo in una prima parte i dati medi che meglio possono rappresentare il valore di un attaccante: dribbling riusciti, duelli aerei vinti, palle perse, key-passes, assist, tiri in porta e falli subiti. I dati in questione, per carenza di numeri sulla sua parentesi russa, risalgono all’ultimo campionato in maglia interista (2010-11), alla Premier League 2013-14 con il Chelsea e all’inizio di questa stagione con l’Everton.

Non serve molto per capire che, con il passare del tempo, Eto’o ha perso parecchio soprattutto nei suoi valori fondamentali: dribbling e continuità nelle conclusioni. Se all’Inter riusciva in 2,7 dribbling a partita, in Inghilterra non si è mosso da uno 0,9. I tiri, invece, sono scesi da 3,5 a 2. La perdita di brillantezza fisica ne è la causa principale e colpisce anche il suo contributo alla squadra in termini di assist: da 1,8 key-passes è sceso a 0,8, mentre gli assist sono passati da 0,3 a 0,1.

La pericolosità diminuita è testimoniata indirettamente dal dimezzamento dei falli subiti (da 2 a partita a 0,6), mentre risulta difficile interpretare il suo miglioramento nelle palle alte (da 0,1 a 0,3). Trattandosi di dati molto bassi, potrebbe essere un fattore casuale. E, anche il miglioramento più sensibile – ovvero la diminuzione delle palle perse (da 4,4 a 1,6) – può essere frutto del minore coinvolgimento nelle dinamiche di squadra anziché di un suo miglioramento. Del resto, a testimoniare questa tesi è anche il numero di passaggi che Eto’o completa in una partita: nel 2010-11 erano 35,4, adesso 28,9. Ma, al Chelsea, erano addirittura soltanto 15,5.

I dati medi, in sostanza, danno ragione a José Mourinho quando ironizzava sull’età reale di quello che per tempo è stato un suo fedelissimo. La seconda parte del confronto, però, riguarda le percentuali: percentuale realizzativa, percentuale realizzativa totale, SOT e percentuale di passaggi completati. Purtroppo, i dati riguardano soltanto le due stagioni di Premier League per mancanza di database.

Scopriamo che, in realtà, Eto’o non è affatto divenuto un cattivo finalizzatore. Al Chelsea ha chiuso con un 34,6% di percentuale realizzativa e un 15,2% di percentuale realizzativa totale, ma anche un eccellente 44% di SOT. All’Everton è sceso rispettivamente a 30%, 10,7% e 35,7%. Ma si tratta in ogni caso di valori ottimi, così come il 79,7% di passaggi completati con cui si stava distinguendo a Liverpool.

Possiamo dunque dire che Eto’o non è finito, ma costringerà Sinisa Mihajlovic a un complesso lavoro di inserimento. Il camerunese non è più in grado di svolgere il lavoro di esterno in un 4-2-3-1 come accadeva nel 2009-10 o come faceva Gabbiadini. E non può nemmeno competere con la forza di Stefano Okaka nel ruolo di prima punta. Può essere però un ottimo valore aggiunto, a patto che la Sampdoria gli regali un contributo atletico rilevante da parte degli altri giocatori in campo. Una sfida difficile, non impossibile per Mihajlovic.

Matteo Pia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *