Snowboard. L’analisi e i pensieri natalizi del ds Pisoni: “Sarà un gennaio molto impegnativo”

Pisoni
Cesare Pisoni

Tre vittorie e due terzi posti sono il brillante bilancio della primissima parte di stagione dello snowboard. Il direttore sportivo Cesare Pisoni analizza a bocce ferme quanto è finora accaduto. “Archiviamo una fase in cui i ragazzi hanno dimostrato un livello altissimo – spiega -. Roland Fischnaller è tornato a esssere il più forte in assoluto sia in slalom e gigante, in lui ho visto una determinazione feroce che gli ha consentito di surclassare gente come Wild, Prommegger e Karl che sono i suoi avversari storici. La più bella sorpresa è stata vedere una squadra competitiva anche con i givoani: Mirko Felicetti nato nel 1992 e Nadia Ochner nata nel 1993 sono saliti per la prima volta in carriera sul podio e questo significa molto per il futuro perchè hanno potenzialità incredibili. E dietro di loro spingono altri altri come Elsia Profanter, Maurizio Bormolini e Hannes Hofer che si sono piazzati subito nei trenta nonostante siano alle priem apparizioni sul circuito di coppa”.

Il bello arriverà nelle prossime settimane: “Gennaio sarà molto impegnativo: a Bad Gastein il 9 e 10 gennaio si svlgeranno uno slalom parallelo e un team event, esattamente lo stesso programma di Montafon, da lì ci sposteremo direttamente a Kreischberg per i Mondiali, dove lo snowboardcross disputerà la prima gara della stagione. Un fatto molto strano, purtroppo questa specialità richiede molto movimento di neve, correre in dicembre diventa un rischio e quest’anno la mancanza di neve è stata deleteria. Ci presenteremo in Austria con la voglia di cancellare la sfortunata Olimpiade russa, vorrei che finalmente lo snowboardcross rompesse l’incantesimo che lo vuole fuori dal podio sia nei Mondiali che alle Olimpiadi. Ci siamo allenati al meglio, aspettiamo buone prestazioni da tutte le discipline, compreso lo slopestyle che ha le qualità per togliersi delle soddisfazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.