Mondiali. Le sei eliminazioni al primo turno degli azzurri dal 1950 a quest’anno. Erano già usciti in Brasile 64 anni fa

I risultati della nostra Nazionale sono in netta contraddizione: è la seconda squadra ad aver vinto più titoli di tutti insieme alla Germania ed è uscita per sei volte al primo turno. L’ultima eliminazione è avvenuta proprio nell’ultima edizione.

FBL-WC-2014-ITA-TRAINING
I 23 giocatori che hanno partecipato alla spedizione in Brasile nell’ultimo Mondiale

Ripercorriamo le fasi storiche che hanno visto l’Italia uscire al primo turno. Per due edizioni di fila la Nazionale tra il 1950 e il 1954 nelle spedizioni in Brasile e in Svizzera stecca il passaggio del turno. Addirittura nel 1958 l’Italia non vi partecipa neppure ai Mondiali in Svezia avendo perso la fase eliminatoria con l’Irlanda del Nord per 2-1. Quattro anni dopo la Nazionale torna a partecipare ai campionati del Mondo in Cile ma esce ancora al primo turno. Decisiva fu la sconfitta con la formazione che ospitò i Mondiali che fu etichettata come la “battaglia di Santiago”.  Viene ricordata così la sconfitta all’inglese della squadra italiana per l’inadeguatezza arbitrale e violenza dei cileni, che dovette subire un arbitraggio casalingo, con le espulsioni di Ferrini e David. Nel 1966 gli azzurri uscirono clamorosamente nell’ultima gara del girone contro la sfavorita Corea del Nord: fu la sconfitta più cocente in un campionato del mondo.

Otto anni dopo l’Italia dopo aver battuto l’Haiti e pareggiato con l’Argentina, perde nell’ultimo turno della fase a gironi con la Polonia quando ad entrambe sarebbe bastato un pareggio per passare alla fase successiva.

Poi nella storia più recente prima l’Italia di Lippi nel 2010 in Sudafrica e poi quella di Prandelli nel giugno del corrente anno in Brasile falliscono l’obiettivo degli ottavi di finale. La prima eliminazione al primo turno fu nel 1950 fu in Brasile e dopo 64 anni l’ultima è avvenuta nello stesso Paese. Sarà una casualità? Allora l’Italia non dovrà giocare più in Brasile per scaramanzia.

Biagio Bianculli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *