Gli errori sono sempre a senso unico, a favore delle grandi squadre di turno. L’Empoli meritava i supplementari all’Olimpico, non c’era il rigore a 8′ dalla fine perchè Zielinski tocca nettamente la palla. I difetti della formula.

72585ee38aed9a0f457d1d6cf2df57b4_169_l
Maurizio Sarri

Gli errori arbitrali sembrano quasi fatti apposta. L’ultima ieri sera all’Olimpico quando è stato concesso un rigore che non c’era alla Roma. Corre l’ottavo minuto del secondo tempo supplementare quando l’arbitro giudica rigore un intervento in scivolata di Zielinski su Paredes. De Rossi dal dischetto realizza il 2-1 e consente ai giallorossi di passare ai quarti di finale. In questo caso Sarri ha ragione nell’affermare che le gare uniche di Coppa Italia vadano disputate in caso delle piccole per non aiutare le grandi impegnate in Europa.

Per Parma – Juventus c’è un regolamento pubblicato dalla FIGC che garantisce agli emiliani di giocare al Tardini. E’ tutto spiegato in quel contenuto.

Biagio Bianculli

 

(v.zagn.) Certo, Biagio, oggi il collega Claudio De Min de Il Gazzettino mi ha spiegato che le prime 8 sono state sorteggiate, che non vale il piazzamento della stagione precedente, per me è semplicemente tutto assurdo. Assurdo che si giochi sempre in casa della meglio classificata della stagione precedente sino agli ottavi e che dai quarti chi gioca in casa sia sorteggiato. Per carità, sono felice che sia Parma-Juve e non Juve-Parma che sarebbe stato nel turno precedente.

Sugli errori arbitrali, la storia del calcio ne è zeppa, sono rarissime le volte in cui l’arbitro sbaglia in maniera grossolana a favore di una piccola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *