Da Stadiotardini.it, Marco Balestrazzi spiega la crisi del Parma e anticipa il battesimo della nuova trasmissione del lunedì, su radio Parma

Domani inizia una nuova trasmissione su radio Parma, ogni tanto magari telefonerò, giusto per fare guastatore. Mi fa molto piacere, da appassionato di etere, ogni squadra di serie A ha trasmissioni anche radio di riferimento, Giuseppe Milano e Marco Balestrazzi sono professionisti molto qualitativi e, come me, amano le storie. Magari talvolta ne accenneremo, chissà.

Intanto Balestrazzi, redattore di Tv Parma, racconta il Parma e accenna alla trasmissione

http://www.stadiotardini.it/2014/10/marco-balestrazzi-commenta-parma-genoa-sarebbe-una-follia-cacciare-donadoni-e-lancia-la-nuova-trasmissione-di-radio-parma-palla-in-tribuna-da-domani-ogni-lunedi-a.html

(gmajo) – Per commentare la doccia fredda di Parma-Genoa 1-2 (dopo 13’ all’inferno mandati da Perotti, Coda aveva riacciuffato il pari, poi perso, dopo uno svarione di Lucarelli proprio allo scadere con il gol di Matri) StadioTardini.it si è affidato al collega giornalista Marco Balestrazzi, il quale da domani alle 14, su Radio Parma, dal lunedì al venerdì, assieme a (o alternandosi con) Giuseppe Milano condurrà una nuova trasmissione dal titolo “Palla in tribuna” in cui il pubblico potrà interagire con lo studio. Indubbiamente dopo la terza sconfitta interna, il 16° gol subito e l’ultimo posto in classifica a pari demerito con Palermo e Sassuolo, non mancheranno le lamentele da parte del pubblico e in questo il programma potrebbe raccogliere un po’ l’eredità di “Pronto chi Parma”, cancellato lo scorso anno dal palinsesto tv del gruppo di Via Mantova.

Marco Balestrazzi, che prevede immani sofferenze e due settimane di turbolenze per via della sosta, non esita a far salire sul banco degli imputati Lodi (fischiato anche dal pubblico dell’Ennio, ma assolve Donadoni. Alla mia domanda se dopo la sosta lo ritroveremo alla guida dei crociati, senza indugio ha risposto che sarebbe una follia esonerare l’allenatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *