Tuttosport. Basket. La Grissin bon batte Varese e consolida il secondo posto. Riccardo Cervi è l’uomo in più, Pozzecco traballa.

LAPR1328-U202073402018sWH-U100810058547frD-350x467@Gazzetta-Web_articolo
Cervi e Callahan

VANNI ZAGNOLI

REGGIO EMILIA. La palla a spicchi rotola proprio al contrario. La grande Varese resta terz’ultima, con 4 punti di vantaggio sulla retrocessione, l’ambiziosa Grissin Bon insiste al secondo posto. Da sola, se stasera Venezia non sarà in grado di battere Milano. Il 5° successo di seguito arriva in maniera netta ma i biancorossi lombardi sul 58-56 erano davvero vicini al sorpasso. La panchina di Pozzecco traballa, con la 6^ sconfitta nelle ultime 7 partite. Senza Diawara, infortunato, l’Openjobmetis cede già in avvio. Al 5’ Reggio conduce per 13-2, con 7 punti dell’ex Polonara, nonostante l’accalorato time-out del Poz. Le due triple di Rautins riportano un pizzico di equilibrio, ma i padroni di casa mettono molta più intensità sul parquet e 5 punti consecutivi di Amedeo Della Valle all’inizio del secondo quarto fanno volare la Grissin sul 33-16. In regia Maynor è disordinato, nonostante il passato in Nba, la difesa varesina fa acqua, così Cinciarini e compagni raggiungono i 22 punti di margine al quarto d’ora (42-20). Pozzecco ordina di alzare il pressing, i suoi approfittano del rilassamento reggiano con un parziale di 9-0.

Nella ripresa è tutta un’altra Varese, Rautins (20 punti) e Kangur colpiscono dal perimetro (52-44 al

24’), Reggio respira solo grazie a due triple di Drake Diener,

alla 250^ presenza in A. Dal +14, la Grissin Bon si blocca davanti alla zona varesina: il 12-0 culmina nel canestro pesante di Callahan, riporta la Openjobmetis a -2 alla mezz’ora. Ed Daniel sarà presto tagliato, a sorpresa era stato schierato in quintetto ma sotto canestro subisce i centimetri del solidissimo Cervi, in doppia doppia, 16 punti e 12 rimbalzi: mancava invece il lungo di riserva Pini, acciaccato. Sono Polonara e Silins a ridare ossigeno agli emiliani sul 68-59. Varese spreca, trova il 71-65, ma il tecnico a Pozzecco a 3’30” dalla fine e la successiva tripla di Silins fanno scorrere i titoli di coda. All’andata la squadra di Menetti aveva vinto con tre supplementari epici, stavolta il Poz resiste perchè a Varese è un mito ma si lamenta dell’arbitraggio: “Nell’ultimo quarto, avevano fischiato 6 falli contro 0”.

GRISSIN BON-OPENJOBMETIS 86-70
REGGIO EMILIA: A. Cinciarini 14 (7-9 0-1), Diener 11 (0-1 3-10), Polonara 11 (3-7 1-2), Silins 12 (1-2 3-8), Cervi 16 (6-7); Mussini (0-2 da tre), Della Valle 7 (1-1 1-4), Kaukenas 11 (1-5 0-3), Pechacek 4 (2-3). Ne Pini. All. Menetti.
VARESE: Maynor 4 (1-2 0-5), Rautins 20 (1-4 6-13), Kangur 6 (1-3 1-4), Eyenga (0-2), Daniel 8 (2-7); Deane 7 (2-4 0-1), Casella 7 (2-5 1-5), Callahan 14 (3-8 1-4), Okoye 2 (1-1), Balanzoni 2 (1-1). Ne Vescovi. All. Pozzecco.

Arbitri: Mazzoni, Bartoli, Morelli.
Note: i parziali 24-10, 48-34, 60-56; da 2: R 21-35, V 14-37; da 3: R 8-30, V 9-32; liberi: R 20-29, V 15-19. Rimbalzi: R 49 (13 off, 12 Polonara e Cervi), V 38 (11 off, 8 Kangur). Perse R 15, V 12; Rec R 9 (Della Valle 4), V 8. Assist: R 17 (Diener 5), V 12 (Maynor 4). 5 falli: Maynor, Silins. Spettatori 3500.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.