“Un giorno per la nostra Città”. La Serie B incontra i diversamente abili del proprio territorio.

attachment3

Mercoledì 21 gennaio terzo appuntamento di Un Giorno per la nostra città, dedicato alla diversa abilità. Nelle città della Serie B centinaia fra atleti, tesserati e staff tecnici dedicano, insieme al proprio territorio, la loro giornata ai temi legati alla riduzione delle capacità motorie e all’abbattimento delle barriere architettoniche. Si tratta di attività concordate con le Amministrazioni Comunali, che si svolgono in centri, campi e auditorium all’interno dei quali giocatori e ragazzi con disabilità giocheranno, si divertiranno, assisteranno all’allenamento concretizzando insieme il messaggio di integrazione che da sempre lo sport promuove.

Come detto si tratta del terzo incontro in questa stagione, dopo quello del 5 novembre dedicato ai bambini e del 10 dicembre rivolto alla terza età, di Un Giorno per la nostra città, progetto pensato da Lega Serie B con l’obiettivo di aderire al principio di prossimità e saldare il legame con la propria gente.

Un Giorno per la nostra città è alla seconda stagione ed è promosso dalla Lega Serie B, con il patrocinio dell’Aic, dell’Aiac e dell’Anci, e prevede che ogni società dedichi un giorno al mese al territorio, da novembre a marzo, impegnandosi a realizzare iniziative a favore dell’infanzia, terza età, dei diversamente abili, per il decoro urbano e l’educazione civica, il prossimo 18 febbraio, e infine, il 25 marzo, dell’integrazione sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.