Il Gazzettino. Il terzo posto della Sampdoria è un miracolo, con l’attore Ferrero: l’oscar va a Sinisa e ad Okaka

Con Montella i viola persero all’ultima giornata il passaggio al preliminare di Champions, a favore del Milan, mentre a maggio fa raggiunsero la finale di coppa Italia. Ecco, i doriani sono ora su quel livello. Mihajlovic li allena da un anno, stupisce il progresso rispetto alle 2 vittorie nelle ultime 23 partite della gestione Delio Rossi. Gongola il presidente Ferrero, in tribuna è molto più attore dei protagonisti dei suoi film. Quando venne nominato, la tifoseria temeva la retrocessione, ancora deve finire di pagare la società a Garrone, vuole risparmiare il più possibile ma intanto issa i blucerchiati al terzo posto, a tre punti dalla Roma.
Non è invece l’anno dei viola, poco spettacolari e fragili, neanche premiati dalle scelte di Montella. Rodriguez è fuori ruolo, Cuadrado alla peggior partita italiana, ma neanche è felice l’ingresso di Mario Gomez. Vincono l’aggressività e il rigore tattico dei liguri, in sofferenza solo a inizio ripresa.
La gara è appassionante e subito ci starebbe almeno la punizione a due in area, a favore di Okaka per l’ostruzione di Neto, è il primo errore dell’arbitro Giacomelli. Babacar e Okaka sono protagonisti, l’equilibrio è spezzato dall’ingenuità di Aquilani che tocca in area Palombo. E’ un rigore eccessivamente fiscale. Manca il capitano Gastaldello, padovano, Palombo eredita fascia e incarico di trasformare. Il penalty per la Fiorentina è pure dubbio, Palombo trattiene appena Babacar, in Italia questi contatti si fischiano raramente. Batte Rodriguez, centrale, Romero si conferma uno specialista: è vicecampione del mondo con l’Argentina, da titolare, a Genova aveva perso il posto.
Nel momento toscano migliore arriva lo spunto del ligure Rizzo, al primo gol in A. Dribbling su Rodriguez e Neto infilato fra le gambe. Prima dell’intervallo il 2-1 è del montenegrino Savic, di testa su angolo. Il secondo tempo è palpitante, Babacar sbaglia il pari, Ilicic lo avvicina. Entra Eder per Bergessio, il doriano meno brillante, e chiude la partita: ruba palla al lento Pizarro, tradito dal terreno, vola per 60 metri, si beve tre difensori e conferma sprint qualità da Champions. Romero salva il risultato, anche dagli arrembaggi del veneziano Pasqual. Samp sbalorditiva, come l’esplosione di Okaka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *