Il Gazzettino, il racconto di Napoli-Verona. I disastri gialloblù contro la squadra di Benitez

Vanni Zagnoli
Bestia nera è dire poco. Ogni volta che il Verona affronta il Napoli viene travolto: 0-3 al Bentegodi a inizio 2014, 5-1 a maggio, 6-2 ieri, per un totale di 14 reti a 3. Insomma, Mandorlini soffre Benitez, che così zittisce le contestazioni e prosegue la rincorsa al terzo posto con 11 punti in 5 gare, ma il punteggio è bugiardo perchè i gialloblù a metà ripresa erano sul 2 pari.
All’Hellas bastano 26” per passare, è il gol più rapido di questo campionato. Su cross lungo del croato Martic, Albiol commette la solita leggerezza respingendo corto, Hallfredsson incrocia di controbalzo da 20 metri. Sul contropiede dell’islandese, Rafael respinge il diagonale e Toni non è determinato nella deviazione. Insigne (2 volte), Higuain e Hamsik avvicinano il pari. Che arriva prima dell’intervallo, meritato per un possesso palla più che doppio. Lo schema è abituale, lancio di Insigne per Callejon a destra, Koulibaly devia il traversone all’indietro e Hamsik non ha difficoltà a infilare il primo gol in campionato. Con pazienza, la squadra di Benitez organizza l’offensiva nella ripresa, fraseggio palla a terra ma a ritmo basso. Rafael respinge su Hamsik, si arrende sul 13° angolo in 57’. Ionita sbaglia il rinvio, lo slovacco calcia con il destro e poi sulla respinta del portiere: l’ultima doppietta in A del capitano azzurro era dell’agosto 2013, all’altra veronese, il Chievo.
Sembra finita, invece Nico Lopez si accentra dalla destra, finta il tiro, manda a vuoto Koulibaly e segna il 2-2. Passano 2’ e il Napoli riparte con l’assolo di Higuain a sinistra, l’argentino si libera di Marques e firma pure la sua prima rete. Il poker in contropiede, Hamsik porta palla sino ai 25 metri e allarga per Callejon, implacabile in diagonale e alla miglior stagione della carriera. Il 5° è su azione di Albiol da 400 metri, così pure Higuain fa doppietta. Nel recupero arriva anche il palo di Callejon e l’ancata di Hallfredsson su Mertens, punita con il rigore. Dal dischetto la tripletta per Higuain, a cui era stato appena annullato un gol valido.

Napoli-Verona 6-2
GOL: pt 1′ Hallfredsson (V), 43′ Hamsik; st 13′ Hamsik, 21′ Nico Lopez (V), 22’, 39’ e 46’ (rig) Higuain, 31′ Callejon.
Napoli (4-2-3-1): Rafael 5,5; Maggio 6, Albiol 6, Koulibaly 5,5, Ghoulam 5,5; Jorginho 6 (25′ st Inler 6,5), David Lopez 6; Callejon 7, Hamsik 7,5 (40′ st Henrique sv), Insigne 7 (33′ st Mertens 6,5); Higuain 7. All.: Benitez.
Verona (3-5-2): Rafael 6,5; Sorensen 5,5 (18′ st Nico Lopez 7), Moras 5, Marques 5 (27′ st Saviola 5); Martic 6, Ionita 5, Tachtsidis 5, Hallfredsson 6,5, Brivio 5,5; Gomez 5, Toni 5,5 (18′ st Nenè 6). All.: Mandorlini.
Arbitro: Gervasoni di Mantova 6.
Note: ammonito Jorginho per gioco scorretto. Angoli: 14-3 per il Napoli. Recupero: pt 0’, st 3’. Spettatori: 25mila.

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.