Il Gazzettino, la vigilia di Italia-Cipro under 21, a Castel di Sangro. Tavecchio: “Non ci aspettavamo l’impresa con la Serbia”

La versione integrale della vigilia dell’under 21, per Il Gazzettino.

(v.zagn.) Il più è fatto, per l’under 21. Oggi, a Castel di Sangro, all’Italia basta battere Cipro, per raggiungere da prima in classifica i playoff per l’Europeo, con finali in Repubblica Ceca, a giugno 2015.
“Con la Serbia – conferma il presidente federale Tavecchio – è arrivato un grande risultato, sullo 0-2 non ce l’aspettavamo. Ora la strada sembra in discesa, però bisogna temere tutti”.
In Abruzzo si punterà ancora sulla vivacità di Belotti, centravanti vecchia maniera, paragonato a Boninsegna, Casiraghi e Vialli, e al talento di Berardi, decisivo con la complicità del portiere serbo. Venerdì è piaciuto anche il mancino del Chievo Biraghi, autore della punizione che ha originato la prima rete di Belotti, mentre è stato imperfetto il portiere dei veronesi, Bardi. Ci si aspetta molto anche da Crisetig, regista friulano del Cagliari, mentre Viviani rientra dopo la giornata di squalifica.
“Non sottovalutiamo Cipro – dice il citì Luigi Di Biagio – e chiudiamo subito la gara. Sulla carta è semplice, dovremo essere bravi a non complicarla, evitando le distrazioni dei primi 10’ con la Serbia”.
All’andata le reti di Fedato e Improta arrivarono solo nel finale, adesso però i ciprioti ne hanno subiti 6 dal Belgio.
OGGI. Alle 17, Italia-Cipro (Rai3) e Irlanda del Nord-Serbia.
CLASSIFICA. Belgio 16; Italia 15; Serbia 13, Cipro 6, Irlanda del Nord 3.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.