Zizzagando. 11 titoli di sport

Con Thiago Cionek

(v.zagn) 1) I Paesi in cui sono stati ceduti i giocatori della serie A: 7 in Spagna, 4 in Brasile e Germania, 3 Inghilterra, Francia e Qatar, 2 Turchia e Russia, 1 in Cina, Portogallo, Belgio, Olanda, Svezia, Polonia.

2) La morte di Luciano Gaucci, a 81 anni. Le bizzarrie, l’intreccio con Elisabetta Tulliani. Il fallimento del Perugia, l’esilio a Santo Domingo, la malattia.

3) Sassuolo-Roma, la proprietà scomparsa (i coniugi Squinzi) contro quella che arriverà, a Roma stanno per chiudere. De Zerbi: “Un allenatore non deve avere paura di perdere, nè di essere esonerato. Di Fonseca colpisce la volontà di fare la partita, di variare le posizioni in campo, di creare superiorità da dietro, sempre e costantemente, non si stancano quando hanno la palla tra i piedi, non sono golosi della profondità, aspettano il momento giusto per colpire. L’arrivederci di Florenzi? Vedere la Roma senza Totti e De Rossi dispiace, da nostalgico”.
Se arriverà in Champions.
“Non è casa mia, la è squadra forte, non so se rimarrà fra le prime.
La voglia di battere la Roma. Entri e giochi la partita, al massimo perdi. Peggio della sconfitta non c’è. Se uno ha paura di perdere non gioca, se uno ha paura di essere esonerato non allena. Sempre per vincere. Una eventuale vittoria con una grande ha un valore non diverso, il prestigio è diverso”.

4) Cagliari-Parma, la volata lunga per l’altra Europa, con possibilità anche per chi arriva settimo: di fronte le due rivelazioni.

5) Gli errori di Conte e Marotta: la rinuncia a Naingollan, a Icardi che non è meno forte di Lukaku, il gioco che non è così super, Politano comunque era utile. La classica flessione invernale dell’Inter, già con Spalletti, dal primo posto a posizioni perdute, c’è lo stesso rischio.

6) Calcio femminile, domenica il derby Milan-Inter. Nel weekend ero stato a Solbiate Arno, a una partita dell’Inter donne. E lì è uscita la storia, l’allenatore dell’Empoli, Alessandro Pistolesi, che è lì dalla fondazione, da 35 anni, nell’85.

7) Volley, i gironi delle due Italia, alle Olimpiadi, i maschi con Polonia e Giappone, Canada e Iran, Venezuela non ha chances. Serve vincere il girone per avere un quarto meno difficile. Le donne sono in un girone molto complicato, con Cina, Stati Uniti, Russia e Turchia, solo l’Argentina parte battuta.

8) Volley femminile, la coppa Italia: le semifinali, Conegliano-Scandicci e Busto Arsizio-Monza. Il viaggio a Monza, Monza l’unica in serie A con due squadre, maschile e femminile. Esonerati all’inizio del mese gli allenatori di Scandicci e di Monza. Molte le azzurre in campo.

9) Il viaggio a Cantù, a Vighizzolo dove si allena la squadra di Pancotto. La nonna felice di avere il nipote nelle giovanili della squadra mito. I 10’ con Cesare Pancotto, il veterano del basket italiano, allena dall’82, record di panchine: “Provo a battere Peterson, allenatore di Milano a 76 anni. Quando Joe Bryant con Rieti mi segnò 62 punti. Leggo i thriller, studiavo dinamiche di gruppo. Da giocatore, giovanissimo, mi appuntavo ogni nota degli allenatori”.

10) Gli infiniti della panchina: Ventura e Prandi (volley, doppio incarico, in Francia e con la Bulgaria), 72 anni, Pancotto 65 basket, da ricercare il volley femminile. Basket donne, Santino Coppa, 79 anni, dopo la promozione con Palermo forse non si è ritirato. Dovrei cercare in atletica, nel nuoto. La nonna allenatrice di Van Niekerk, il primatista mondiale dei 400, sudafricano, ha 78 anni, non so se lo sia ancora.

11) Mara Navarria argento in coppa del mondo. Serena Ortolani (c’ero) in panchina a Monza nel volley femminile. Come stanno le mamme dello sport italiano.

Related Posts

Leave a reply


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.