Ilmessaggero.it, Ilmattino.it. Capolavoro di Berardi, bandiera del Sassuolo, Lecce sconfitto 1-0

https://www.ilmessaggero.it/sport/calcio/capolavoro_di_berardi_bandiera_sassuolo_lecce_ancora_battuto-6881030.html

https://www.ilmattino.it/sport/calcio/capolavoro_di_berardi_bandiera_sassuolo_lecce_ancora_battuto-6882065.html

di Vanni Zagnoli

Vince il Sassuolo, ma come con l’Inter il Lecce poteva portare a casa un punto. Decide il capolavoro di Berardi, al 39’, un gol da fuoriclasse, da uno a cui la zona tranquillità va stretta eppure ha deciso di restare a Sassuolo firmando un quinquennale. Sull’angolo da sinistra di Kyriakopoulos, la palla arriva al calabrese al limite dell’area, la calcia di prima, in girata, per uno dei gol più belli della sua carriera. Berardi è il giocatore bandiera del mondo Mapei, a 28 anni ha deciso di restare praticamente a vita, dopo avere detto no alla Juve e all’Inter, anni fa. Il Sassuolo lo cederebbe solo per 40 milioni, lui resta volentieri. “Tempo fa – racconta – ho avuto occasione di andare via, per paura del cambiamento sono rimasto, non ero ancora maturato, non mi sono mai buttato, a compiere quel passo in avanti. Da tre stagioni a questa parte ho sempre cercato di lasciare questo club ma non ho avuto le possibilità, non ho mai trovato la squadra giusta che mi volesse e poi ho deciso di rinnovare con questa famiglia, che mi ha cresciuto fin da bambino. Sognavo di fare le coppe”.

Il Lecce gioca bene, come già in serie B, come con Eugenio Corini, che un anno e mezzo fa visse mesi splendidi, sulla panchina salentina, si rende pericoloso con Strefezza e poi con Di Francesco. Il primo squillo di Berardi è fuori, di poco. La migliore occasione sullo 0-0 è per Ceesay, il gambiano ruba palla a Ferrari e calcia a giro, Erlic devia. Dopo quello splendido vantaggio, Pinamonti serve Henrique, il brasiliano tenta lo scavetto ma Falcone gli blocca il tiro.

Nel secondo tempo il Lecce attacca con Banda al posto di Federico Di Francesco e con la vivacità di Strefezza, fra i migliori esterni del nostro calcio, come aveva già dimostrato alla Spal e anche alla Cremonese. 

Il Sassuolo controlla, con Dionisi impara a gestire, allo stadio Mapei, dove generalmente ottiene meno di quanto meriti, si fa vivo con Berardi, costruendo peraltro poco, rispetto al solito.

Sassuolo-Lecce 1-0

SASSUOLO (4-3-3): Consigli 6,5; Toljan 6, Erlic 6, Ferrari 5,5, Rogerio 6; Frattesi 6 (35’ st Harroui sv), Maxime Lopez 6,5, M. Henrique 6 (19’ st Thorstvedt 6); Berardi 7, Pinamonti 6 (19’ st Defrel 5,5), Kyriakopoulos 6 (51’ st Ayhan. A disp.: Ruan, Marchizza, Obiang, Alvarez, Ceide, Russo, Pegolo. All. Dionisi 6.

LECCE (4-3-3): Falcone 6,5; Gendrey 6, Blin 6, Baschirotto 6, Gallo 5,5; Bistrovic 6 (26’ st Helgason 5,5), Hjulmand 6, Gonzalez 5,5 (35’ st Askildsen sv); Strefezza 6,5 (44’ st Listkowski sv), Ceesay 6,5, Di Francesco 6 (1’ st Banda 6). A disposizione: Tuia, Ciucci, Lemmens, Frabotta, Persson, Rodriguez, Colombo, Brancolini, Bleve. All. Baroni 6.

Marcatore: 39’ Berardi.

Note: ammoniti Henrique, Berardi, Rogerio, Gonzalez, Frattesi, Toljan. Spettatori 6mila

Da “Ilmessaggero.it”, “Ilmattino.it”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.